Archivi tag: Napoli

Pogba e Higuain, ovvero perché non bisogna incazzarsi

 Higuain-and-Pogba-in-action

[Caffè News] Da qualche settimana i tifosi del Napoli si divertono a lanciare accuse ad Higuaín, reo di averli “traditi” per la Juve. La risposta degli juventini, classica, è “non ve la prendete”, “è un professionista”, “non è mica nato a Napoli”.

Oggi, che Pogba è (ri)volato a Manchester, molti juventini si scordano tutto ciò e parlano di delusione e cattivo esempio. Continua a leggere Pogba e Higuain, ovvero perché non bisogna incazzarsi

Il caso Higuain. A Napoli è facile far soldi sul cuore

higuain[Caffè News] La questione Higuaín sta sfuggendo di mano.

Nel 2016 non si può non comprendere che un calciatore è un professionista che cede le proprie prestazioni al miglior offerente.

Non si può non capire che se una squadra rivale ti regala 90 milioni per stralciare una clausola, quei soldi potresti investirli per costruire una nuova squadra meglio bilanciata e più competitiva, piuttosto di un team che lavorava per un uomo solo.

Non si può non capire che la Società Sportiva Calcio Napoli è Continua a leggere Il caso Higuain. A Napoli è facile far soldi sul cuore

PizzaGustoSannio – Pizza e sapori d’una terra senza eguali

copertina

L’Associazione Culturale di valorizzazione del territorio PGS – PizzaGustoSannio è orgogliosa di presentare il suo primo evento, nei giorni 17, 18 e 19 luglio, presso la Trattoria Masella, in via Pezzalonga, Cerreto Sannita (BN).

L’evento PizzaGustoSannio, organizzato dall’Associazione PGS in collaborazione con l’Istituto Nazionale della Pizza di Napoli, l’Azienda Agricola Masserie Masella, Slow Food Benevento e Slow Food Valle Telesina, mira a creare un legame tra la tradizione culinaria ed eno-gastronomica sannita e la pizza, simbolo dell’Italia e della cucina mediterranea. Continua a leggere PizzaGustoSannio – Pizza e sapori d’una terra senza eguali

A Benevento la democrazia ha perso

sandra-lonardo-mastella[1][Caffè News] Sono abbastanza lontano dalla visione politica di Sandra Lonardo Mastella (candidata di Forza Italia alle regionali), tanto meno da quella di Fernando Errico del Nuovo Centro Destra. Ma la loro esclusione dal nuovo consiglio regionale campano è vergognosa. La provincia di Benevento avrebbe dovuto avere soltanto due consiglieri, ma ne avrà soltanto uno: Erasmo Mortaruolo del Pd. Una normativa indecente ha escluso lady Mastella, con i suoi 10.213 consensi (seconda dietro Mortaruolo). Il seggio, dunque, sarebbe spettato di diritto a Fernando Errico, delfino di Nunzia De Girolamo, che di preferenze ne ha ottenute quasi 7mila (comunque meno dell’altro candidato di Forza Italia, Cosimo Izzo, e poche più di Giulia Abbate del Pd e di Maglione del M5S). Ma niente da fare. Il suo seggio spetta al candidato presidente sconfitto, Stefano Caldoro. Sottorappresentati anche a Napoli, dunque. C’è poco da festeggiare. A Benevento la democrazia ha perso.

Giuseppe Guarino

Regionali 2015, il fragile e frammentato mondo del centrodestra

01-00263317000028

[Sannio Week] Mentre con un abbraccio si consuma l’endorsement di Renzi nei confronti di Vincenzo De Luca, il Nuovo Centro Destra campano pare finalmente aver trovato la propria dimensione. Si va a sostegno di Caldoro, questo è certo e, come nelle Marche e probabilmente in Liguria, in alleanza con Forza Italia.
Per il resto è ancora buio assoluto. Se Mastella continua a sperare di poter ricavare un’alleanza che permetta a lui (o alla consorte, o meglio ancora a entrambi) di assicurarsi cinque anni di permanenza in quel di Napoli, c’è anche un dilemma tutto interno ad Area Popolare. Ad essere a rischio è proprio la più scontata delle alleanze, già testata con discreto successo alle Europee del 2014, quella con l’Udc. Continua a leggere Regionali 2015, il fragile e frammentato mondo del centrodestra

Regionali 2015, se il centrodestra sannita ragiona ancora con lo spauracchio della sinistra

VIESPOLI-5

[Sannio Week] Va assestandosi il centro-destra campano, che vede nel beneventano uno dei territori-chiave, non tanto per quello che riguarda i numeri, quanto piuttosto per i nomi in campo.

Al convegno all’UNA Hotel “Il Molino” di sabato scorso ce n’era per tutti i gusti. L’evento, organizzato dal Ppe, avrebbe dovuto vedere attorno ad un tavolo tutti (o quasi) gli esponenti dei partiti che appoggiano e, a quanto sembra, appoggeranno il governatore Caldoro nella nuova corsa per Napoli. Continua a leggere Regionali 2015, se il centrodestra sannita ragiona ancora con lo spauracchio della sinistra

La pizza e l’analfabetismo 2.0

pizza[1][Caffè News] Nel mondo forcaiolo del web, alla notizia della parola “pizza” nata a Gaeta piuttosto che a Napoli [QUI la notizia], si sono create subito, tra le altre, due fazioni contrapposte: quella dei napoletani che contestano la veridicità della notizia con insulti e proteste e quella degli anti-napoletani che si rivolgono al popolo partenopeo con epiteti coloriti. Eppure, in un caso o nell’altro, basterebbe leggere la notizia, approfondirla, comprenderla. Poi, se è il caso, contestarla. Troppo difficile per un popolo da social che vuole tutto subito, intrappolato nella piattaforma al punto da non potere andare al di là del titolo di un articolo. È lo specchio di questa Italia che non legge o che, se lo fa, stenta a comprendere ciò che ha letto, chiusa nel suo analfabetismo 2.0. Quanto alla pizza, la parola sembra aver effettivamente avuto origine a Gaeta, ma nulla nega la tradizione, la superiorità e la grandezza della tradizione napoletana.
Giuseppe Guarino

Regionali 2015, non lasciate da solo il Sannio!

cozzolinodeluca[1]

[Sannio Week] Eccoci. Il Partito Democratico (o il centro-sinistra, fate voi) ha deciso. Si vota per le primarie il 22 febbraio. I candidati, alla fine, sono “solo” cinque: Andrea Cozzolino (bassoliniano, Pd), Vincenzo De Luca (sindaco di Salerno, Pd), Marco Di Lello (deputato e coordinatore nazionale del Partito Socialista Italiano), Nello Di Nardo (ex senatore dell’Italia dei Valori) e Gennaro Migliore (renziano ex Sel). Lascia la lettiana Angelica Saggese. Peccato.

Da Sel un silenzio agghiacciante. Dal Nuovo Centrodestra si alza la voce di Nunzia De Girolamo, che chiede un chiarimento con Matteo Renzi. In due punti, l’ex Ministro dell’Agricoltura vorrebbe la ricostruzione del centro-destra e una chiara posizione di Ncd. Il partito del quale è parte, secondo donna Nunzia, dovrebbe evitare alleanze a macchia di leopardo, scegliendo una volta per tutte in quale schieramento stare. Poi, alla fine, qualunque esso sia va bene lo stesso. Continua a leggere Regionali 2015, non lasciate da solo il Sannio!

Primarie Pd Regionali 2015, in Italia ricercano l’unità, in Campania si scannano senza pietà

23desk-intervista-migliore[1]

[Sannio Week] All’indomani dell’elezione di Mattarella a Presidente della Repubblica, i politici locali si affollano nell’augurare un buon lavoro all’ormai ex giudice costituzionale. Arrivano infatti copiosi i comunicati stampa, tra i quali spiccano quelli del Presidente della Provincia di Benevento, Claudio Ricci, e del primo cittadino del capoluogo, Fausto Pepe.

Si festeggia, dunque, nel centro-sinistra locale. Ma resta la faccenda, sospesa, delle primarie. Continua a leggere Primarie Pd Regionali 2015, in Italia ricercano l’unità, in Campania si scannano senza pietà

Primarie Pd Regionali 2015, la fonderia senza idee del Partito Democratico campano

23desk-intervista-migliore[1]

[Sannio Week] Ancora giallo sulle primarie Pd. Rinviate dal 14 dicembre all’11 gennaio e poi al primo febbraio, ora rischiano di saltare definitivamente.

Non certo per colpa dei nomi in campo: il sindaco di Salerno Vincenzo De Luca, l’europarlamentare bassoliniano Andrea Cozzolino e l’outsider lettiana Angelica Saggese. Dagli esponenti renziani era invece venuto un silenzio fragoroso. Continua a leggere Primarie Pd Regionali 2015, la fonderia senza idee del Partito Democratico campano