Lascia un commento

Regionali 2015, non lasciate da solo il Sannio!

cozzolinodeluca[1]

[Sannio Week] Eccoci. Il Partito Democratico (o il centro-sinistra, fate voi) ha deciso. Si vota per le primarie il 22 febbraio. I candidati, alla fine, sono “solo” cinque: Andrea Cozzolino (bassoliniano, Pd), Vincenzo De Luca (sindaco di Salerno, Pd), Marco Di Lello (deputato e coordinatore nazionale del Partito Socialista Italiano), Nello Di Nardo (ex senatore dell’Italia dei Valori) e Gennaro Migliore (renziano ex Sel). Lascia la lettiana Angelica Saggese. Peccato.

Da Sel un silenzio agghiacciante. Dal Nuovo Centrodestra si alza la voce di Nunzia De Girolamo, che chiede un chiarimento con Matteo Renzi. In due punti, l’ex Ministro dell’Agricoltura vorrebbe la ricostruzione del centro-destra e una chiara posizione di Ncd. Il partito del quale è parte, secondo donna Nunzia, dovrebbe evitare alleanze a macchia di leopardo, scegliendo una volta per tutte in quale schieramento stare. Poi, alla fine, qualunque esso sia va bene lo stesso.

Ma al di là delle alleanze, c’è una richiesta da fare a tutti i candidati a queste primarie, nonché a Stefano Caldoro e a Valeria Ciarambino (dipendente Equitalia, candidata del Movimento 5 Stelle): non lasciate da solo il Sannio.

De Luca e Cozzolino sono già venuti diverse volte sul territorio, in questa loro (lunghissima) campagna elettorale, non facendosi mancare strascichi polemici d’ogni tipo. La delegazione beneventana del Psi, inoltre, è sempre presente alle iniziative di Di Lello. Non si dubita della presenza (più divertente che utile) della grillina Ciarambino e, magari, anche il presidente Caldoro potrebbe di colpo ricordarsi la strada per Benevento.

Il problema verrà dopo le primarie e dopo le elezioni. Quando non sarà più il tempo delle promesse, ma il tempo dei fatti. Quando il vincitore si troverà a gestire un consiglio regionale napolicentrico, nel quale la somma degli eletti nelle province di Benevento (che sono soltanto 3), Avellino, Caserta e Salerno non raggiunge il numero dei consiglieri della provincia capoluogo. Che poi, se dovesse passare la riforma del Senato, con ogni probabilità il prossimo consiglio regionale si troverà anche ad eleggere i senatori campani nella prossima legislatura. Già in questa, però, Benevento e provincia mancano di rappresentanti a Palazzo Madama (abbiamo invece due deputati, Nunzia De Girolamo e il sottosegretario alle infrastrutture Umberto Del Basso De Caro). È solo una lunga serie di interrogativi, alla quale vanno necessariamente aggiunte le questioni delle trivellazioni, della sanità pubblica (e privata) e delle infrastrutture, non ultima della Statale Telesina.

Giuseppe Guarino

pubblicato su Sannio Week il 10 febbraio 2015

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: