Archivi tag: centro destra

Guarda come ti distruggo Forza Italia (e i moderati d’ogni sorta)

renzi

[Caffè News] Sulle riforme istituzionali Renzi, come al solito, fa il botto. E lo fa ottenendo il massimo risultato col minimo sforzo. Tiene dentro la sinistra Pd e Area Popolare. E poi sottrae pezzi a Berlusconi. Una mossa magistrale.

Il premier fiorentino ha perso soltanto Nunzia De Girolamo che, mai convinta del tutto da Ncd, è tornata definitivamente alla casa paterna.

Il commento più arguto riguardo alla strategia politica del Presidente del Consiglio, però, arriva dal direttore dell’Avanti Mauro Del Bue, che in un suo editoriale dichiara l’inutilità di Verdini e dei moderati, che si avviano alla loro morte politica Continua a leggere Guarda come ti distruggo Forza Italia (e i moderati d’ogni sorta)

La rinascita del centro-destra e il declino grillino

cd-lega

[Caffè News] Matteo Renzi lo aveva dato per morto. E invece no. Il centro-destra sta bene, e gode di ottima salute. Dopo aver preso, strappato, la Liguria al Pd, è toccato anche a Venezia e alla città di Maria Elena Boschi, Arezzo. Una fenice che rinasce dalle ceneri, appoggiandosi sulle stampelle del neo-populismo di Salvini e Meloni. Dimostrando che dove si corre uniti si vince, grazie anche agli scandali del Pd capitolino.

E poi c’è chi non dovrebbe avere niente da festeggiare. Continua a leggere La rinascita del centro-destra e il declino grillino

Regionali 2015, se il centrodestra sannita ragiona ancora con lo spauracchio della sinistra

VIESPOLI-5

[Sannio Week] Va assestandosi il centro-destra campano, che vede nel beneventano uno dei territori-chiave, non tanto per quello che riguarda i numeri, quanto piuttosto per i nomi in campo.

Al convegno all’UNA Hotel “Il Molino” di sabato scorso ce n’era per tutti i gusti. L’evento, organizzato dal Ppe, avrebbe dovuto vedere attorno ad un tavolo tutti (o quasi) gli esponenti dei partiti che appoggiano e, a quanto sembra, appoggeranno il governatore Caldoro nella nuova corsa per Napoli. Continua a leggere Regionali 2015, se il centrodestra sannita ragiona ancora con lo spauracchio della sinistra

Quando Cicchitto voleva unire la sinistra

cicchittocraxi[Caffè News] In clima di fasci e sfasci, nel Pd, in Forza Italia e nel Nuovo Centrodestra, mi è capitato di imbattermi in un vecchio libro: Benedetto Bettino, la prima biografia di Craxi, scritta da Giancarlo Galli nel lontano 1982. Ebbene, mi è venuto da sorridere quando l’autore, a pagina 53, parla delle correnti interne al vecchio Psi, in particolare di quella lombardiana, contraria all’autonomia socialista e alla fusione col Psdi ma rivolta alla “unità delle sinistre”, ossia alla convergenza verso il Pci, dal quale Nenni si era allontanato nel 1956 [QUI la pagina]. Tra i nomi in causa c’è quello di un signore che, da tempo, non soltanto è molto lontano dalle sinistre e dalle rispettive convergenze, ma ha pure giocato (e gioca tuttora) un ruolo rilevante nelle divisioni del centro-destra. Signore e signori: Fabrizio Cicchitto!

Giuseppe Guarino

Che aria tira nel centro-destra?

bandiere-forza-italia-lega-599x275[1]

[Caffè News] Lo dicevamo già qualche mese fa: in Italia serve un centrodestra valido, che mantenga in vita il bipolarismo ponendosi come principale alternativa di governo al centrosinistra di Renzi [vedi QUI].

E se a lanciare l’allarme è anche Europa [QUI], quotidiano del Pd appena salvato e rilanciato da quelli del Nazareno, c’è veramente da preoccuparsi.

Il premio di maggioranza al partito previsto dall’Italicum, scrive Franco Monaco, rischia di distruggere le coalizioni regalando il governo a Renzi e al Pd. Nei secoli dei secoli. Amen? Continua a leggere Che aria tira nel centro-destra?

Che beffa la destra che rinasce dalla Lega

salvini-150x150[1][Caffè News] Matteo Salvini aveva annunciato di voler creare una “Lega dei popoli”, che unisse alla Lega Nord un movimento politico da radicare nel centro-sud. Ma l’Huffington Post [QUI] ci rende edotti su quanto il segretario del Carroccio stia per fare: mettere da parte leghe e legarelle e farsi un partito nuovo, a proprio nome. Forte del consenso creato un po’ ovunque grazie a un populismo spicciolo (che infatti sta rubando sempre più sostenitori a Grillo e al Movimento 5 Stelle), vorrebbe nascondere sotto il tappeto le istanze nordiste e unire lo Stivale su tesi simili a quelle del Front National di Marine Le Pen, con la quale c’è già intesa all’europarlamento. Il tracollo di Forza Italia lo sta aiutando a fare il resto. Insomma, la destra dovrà subire la beffa di rinascere dalla Lega. Da quella Lega “costola della sinistra” e da quella Lega che rigettava allegramente i valori nazionali che furono della destra del Movimento Sociale Italiano.

Giuseppe Guarino

– See more at: http://www.caffenews.it/politica/60680/che-beffa-la-destra-che-rinasce-dalla-lega/#sthash.9oUGArTw.dpuf