Archivi categoria: Satira

Prendete una stanza scura…

stanza-buia-2[1]

Prendete un grillino e chiudetelo per un’ora in una stanza scura. Durante i primi dieci minuti inveirà (soltanto dentro sé) contro il potere di casta che lo ha rinchiuso. Dopo un quarto d’ora avrà organizzato le primarie, regolarmente on line, per essere eletto cittadino portavoce della stanza scura. Durante il resto del tempo gongolerà autocompiaciuto per il fatto di essere lui e solo lui il “normale cittadino portavoce”. Quando lo tirerete fuori lo ritroverete coperto di lividi e graffi, naturalmente autoinflittisi poiché aveva voglia di litigare con qualcuno. Le pareti della stanza scura saranno piene di scritte come “Waffanculo brutti Wacconi” dipinte col sangue. Ah, no, è ketchup. Continua a leggere Prendete una stanza scura…