Archivi tag: radicali

Perché ce l’hanno tutti con Emma Bonino?

Nota necessaria: Ho deciso di ricominciare a scrivere su questo blog della cosa che, mio malgrado, conosco meglio: la politica italiana. Lo faccio da osservatore esterno e tenterò di essere come al solito una voce critica nel mare della stampa allineata più o meno a destra, a sinistra o nel calderone del duro e puro “né di destra né di sinistra”. Il primo articolo di questo mio ritorno non richiesto al giornalismo politico voglio dedicarlo a Emma Bonino.

Perché ce l’hanno tutti con Emma Bonino? I post d’odio nei suoi confronti sono diventati una costante degli ultimi giorni di campagna elettorale, come se di colpo fosse diventata solo lei il nemico assoluto da combattere. Perché? Continua a leggere Perché ce l’hanno tutti con Emma Bonino?

Scontro Pannella-Bonino, specchio del declino radicale

pannellabonino

[Caffè News] Marco Pannella è un tipo che va osannato o preso a calci nel sedere, senza mezze misure. Líder máximo di un partito al quale dobbiamo dire grazie per le battaglie di civiltà. Che però è quasi scomparso.

Dopo le apparizioni in parlamento nel 2006 (insieme ai socialisti nella Rosa nel Pugno) e nel 2008 (“delegazione radicale” nel Pd), alle politiche 2013 la lista Amnistia Giustizia Libertà raccolse solo lo 0.20%. Su 1000 votanti soltanto 2 votarono radicale: il minimo storico dal 1958 (ne parlammo QUI). Continua a leggere Scontro Pannella-Bonino, specchio del declino radicale

Governo Letta, le opinioni dei partiti

Contenti, scontenti, depressi, agguerriti ed esultanti. I partiti reagiscono alla Große Koalition italiana che ha avuto come risultante il governo guidato da Enrico Letta.

Da destra a sinistra, passando per i cinque stelle, tante le opinioni espresse dalle compagini politiche dello stivale. Continua a leggere Governo Letta, le opinioni dei partiti

Il governo Letta: tutti i ministri

Di seguito sono riportati tutti i componenti dell’esecutivo presieduto da Enrico Letta. Il logo del partito (Partito Democratico, Udc, Popolo della Libertà, Scelta Civica, Radicali Italiani) sotto ciascun ritratto identifica l’appartenenza politica del ministro, se non c’è alcun logo il ministro è tecnico.

letta
Enrico Letta
Presidente del Consiglio
  Continua a leggere Il governo Letta: tutti i ministri

Tutti i candidati premier: ecco i 15 che aspirano alla Presidenza del Consiglio

Non solo Berlusconi, Monti, Grillo, Ingroia e Bersani. I candidati alla presidenza del Consiglio dei Ministri sono molti di più (e molte di più sono le liste\coalizioni). Il falso bipolarismo italiano tende a semplificare ma, in realtà, le alternative ci sono sempre: basta saperle individuare. Di seguito l’elenco, corredato di una breve biografia, di tutti i candidati premier alle elezioni del 24 e 25 febbraio. Continua a leggere Tutti i candidati premier: ecco i 15 che aspirano alla Presidenza del Consiglio

La Radio veramente pubblica

Torno a casa in automobile, presto, almeno rispetto ai miei coetanei. Accendo l’autoradio, una delle poche compagnie nei viaggi da solo. Troppo spesso la lascio spenta per correr dietro ai miei pensieri. Oggi no, mi va di ascoltare. Giro le frequenze, sempre le stesse: 101.00, 105.00, 102.5,… . Infine il mio dito fa fermare le cifre rotanti sopra la frequenza 97.5, che tra l’altro ho lasciato memorizzata sul numero quattro. Dalle mie parti su quella frequenza prende Radio Radicale. Continua a leggere La Radio veramente pubblica

Al referendum c’è anche un fronte del “no”, non solo il fronte del “non voto”

E’ Benedetto Della Vedova, ex radicale ed ora membro di Futuro e Libertà, a lanciare l’appello. E lo fa alla radio del movimento di Marco Pannella, dove dice che “la vera indicazione di voto di FLI è andare a votare”. Sembra un paradosso, perché d’altronde Andrea Ronchi, al cui decreto si vorrebbe rimediare con il referendum, è uno degli esponenti più di spicco del partito finiano. Continua a leggere Al referendum c’è anche un fronte del “no”, non solo il fronte del “non voto”

Senza lavoro non c’è Italia

Donatella Poretti, senatrice radicale (eletta nelle liste PD), ha appena proposto un disegno di legge volto ad eliminare la parola “lavoro” dalla Costituzione italiana. Troppo pesante? Troppo impegnativa? No, niente di tutto questo, la parola lavoro finirebbe per far assomigliare la nostra Repubblica Democratica a repubbliche che democratiche non sono. Continua a leggere Senza lavoro non c’è Italia

Le Contraddizioni democratiche

Che nel PD non si respiri aria buona è risaputo. E’ dalla fondazione del partito che al suo interno esistono contraddizioni troppo grandi. Già due anni fa, il 25 febbraio 2008, a Partito Democratico ancora neonato, Enrico Boselli parlava di “supermarket che contiene tutto ed il contrario di tutto”, di partito che si diceva essere “casa dei riformisti” ma che poi rifiutava alleanze con chi riformista lo era sempre stato (e accogliendo al suo interno personaggi provenienti dalle esperienze conservatrici più estreme). Le cose purtroppo non vanno meglio ora. Continua a leggere Le Contraddizioni democratiche