Archivi tag: pse

Chi ha ucciso il centrosinistra?

vendola

[Caffè News] Fa sorridere l’ultima affermazione al veleno di Nichi Vendola: “Renzi ha ucciso il centrosinistra”. Il leader di Sel prende le distanze dal Pd che, dice, “non è il nostro destino”. [Fonte: QUI]

Al di là delle scelte puramente tattiche ma ambigue (nello stesso comunicato l’ex presidente pugliese dice anche che il Pd “dove possibile sarà un alleato ma dove non è possibile sarà un avversario”), resta una domanda di fondo: chi ha ucciso il centrosinistra? Renzi o proprio la tanto perfetta “sinistra radicale”?

Facciamo un passo indietro. Continua a leggere Chi ha ucciso il centrosinistra?

Datemi una P, datemi una D, datemi una S

OBAMA_RENZI[1]

[Caffè News] Non è chiaro il livello del discorso tra Renzi e Obama sulla necessità di cambiare il nome del Partito Socialista Europeo. Ne ha parlato Repubblica (QUI) e, a quanto pare, Renzi vorrebbe rinominare il vecchio PES-PSE in “Partito Democratico Europeo”, o qualcosa del genere. Fuori il riferimento al socialismo, vecchio e fuori moda. Dentro un più americano “democratic”.

Avvicinare la sinistra moderata europea a quella d’oltreoceano parrebbe il sogno del premier italiano, al fine di dare appoggio maggiore ad Hillary Clinton, nonché di rottamare l’idea europea di socialdemocrazia.

Ma l’operazione di Renzi manca di senso logico. Continua a leggere Datemi una P, datemi una D, datemi una S

Uno sguardo ai risultati delle Europee

renzi-pes[1][Caffè News] Il Partito Democratico è il primo partito di questo paese. Ma anche d’Europa. L’Italia ha deciso e, così, vede per la prima volta un largo consenso nei confronti di una forza politica. Un consenso che non si vedeva dai tempi di De Gasperi.

Male il Movimento 5 Stelle che, pur confermandosi sulle stesse percentuali delle politiche, in realtà perde circa un mezzo dei voti. Berlusconi stavolta conferma i sondaggi, anche se c’è da dire che considerando gli alleati di coalizione certi o ipotetici (Lega, Fratelli d’Italia, ma anche Ncd e Udc) starebbe ampiamente sopra il 20% e probabilmente riuscirebbe a superare i pentastellati senza difficoltà (pertanto l’Italicum probabilmente non salterà). Continua a leggere Uno sguardo ai risultati delle Europee

Europee 2014, testa a testa tra Pse e Ppe

pittella

[Sannio Week] Il Sannio ha incontrato il vice-presidente del Parlamento Europeo Gianni Pittella (lista Pd-Pse), che godrà quindi dell’endorsement dei dem beneventani in vista delle elezioni europee del prossimo 25 maggio. Pittella, già in corsa come segretario nell’ultimo congresso del Partito Democratico (quello che ha decretato la vittoria di Matteo Renzi) e ora tra i papabili per la presidenza dello stesso Parlamento di Strasburgo, ha tenuto nella giornata del 4 maggio un breve tour in diversi comuni (ad esempio Telese Terme e Frasso Telesino). Accompagnato dal segretario provinciale Erasmo Mortaruolo e dal sottosegretario alle infrastrutture Umberto Del Basso De Caro, ha infine fatto tappa nel capoluogo sannita, nella sede di Futuridea. Continua a leggere Europee 2014, testa a testa tra Pse e Ppe

Le ragioni di Emiliano

michele_emilianoquadrifoglio miniÈ la seconda volta che voto alle Europee. La prima, nel 2009, sostenni il neonato movimento Sinistra e Libertà. Un movimento che all’epoca era poco partito personalistico di Nichi Vendola, poco rifondazione di Rifondazione e molto cartello elettorale comprendente la sinistra alternativa al massimalismo comunista e alla moderazione centrista verso la quale stava derivando il Pd. Dentro c’erano il Movimento per la Sinistra di Vendola, Sinistra Democratica di Mussi, il Psi e i Verdi (più qualche altro micro-movimento). Bello. Continua a leggere Le ragioni di Emiliano

Vengo dopo il Pci, il nuovo e-book di Giuseppe Guarino e Caffè News

cover_vengodopoilpci [Leggi l’e-book su Caffè News, QUI] L’idea di scrivere un resoconto storico-politico sulla storia della sinistra italiana mi è frullato in testa per anni, ma lo spunto decisivo è arrivato lo scorso 8 dicembre quando, in una specie di pilotato colpo di mano, Matteo Renzi si è impadronito della segreteria del Pd, segnando (più o meno volutamente) la fine di un’epoca.

Qualche mese dopo siamo arrivati alla rocambolesca nascita di un governo guidato dallo stesso Renzi e all’entrata del Partito Democratico nel Pse. Segno che la nuova era sta avendo inizio, sebbene con aspetti diversi da quelli immaginabili alla fine di dicembre.

Ebbene, questi cambiamenti li abbiamo raccolti, da dicembre a febbraio, nella rubrica settimanale “Vengo dopo il Pci”, narrando più di vent’anni di storia delle sinistre italiche, dalla svolta di Occhetto a quella di Matteo Renzi, passando per tanti simboli, personaggi, governi e sigle. Continua a leggere Vengo dopo il Pci, il nuovo e-book di Giuseppe Guarino e Caffè News