Archivi tag: Pedro Sanchez

Spagna. Sul governo accordo ancora lontano

 psoe

avantiI problemi tra il leader del Partito Popolare spagnolo Mariano Rajoy e i suoi omologhi del PSOE e di Ciudadanos sono lungi dall’essere risolti. Pedro Sánchez e Albert Rivera, dal canto loro, sembrano meno affiatati di un tempo ma sicuramente d’accordo sull’atteggiamento da tenere nei confronti del leader popolare. E se Rajoy è obbligato a tentare un approccio con i due partiti per tentare di formare un governo, socialisti e arancioni fanno di tutto per non prescindere da alcuni temi essenziali, soprattutto in virtù di quello che nella proposta dell’ex capo del governo manca. La riforma costituzionale su tutto. Continua a leggere Spagna. Sul governo accordo ancora lontano

Spagna. Ancora lontano l’accordo per il governo

Congreso_de_los_Diputados_(España)_05

avantiNessun progresso. Dopo quella di mercoledì scorso, il Parlamento spagnolo va verso una seconda bocciatura per Pedro Sanchez. Stasera, infatti, il si troverà a decidere ancora sulla investidura del segretario generale del Psoe.

I numeri, però, salvo colpi di scena dell’ultimo secondo, saranno sempre gli stessi: 130 voti a favore (i deputati socialisti e quelli di Ciudadanos), 219 contrari, 1 astenuto (Ana Oramas di Coalición Canaria). Siamo ben lontani dalle cifre che possano permettere la formazione di una maggioranza, rendendo quasi certa la seconda sconfitta per il leader socialista. Continua a leggere Spagna. Ancora lontano l’accordo per il governo

È accordo “Mayonesa” tra Psoe e Ciudadanos

sanccehz

avantiA Madrid ci sarà presto un nuovo governo. L’accordo è vicino all’annuncio ufficiale.
Ad anticiparlo è Albert Rivera, presidente di Ciudadanos, che ha detto oggi che i negoziati tra il suo partito e il Psoe stanno per giungere in porto.
Gli ha fatto eco Pedro Sanchez, leader del Psoe, affermando la sua disponibilità a esaminare le cinque proposte di riforma costituzionale (abolizione delle assemblee provinciali, abolizione della immunità parlamentare, depoliticizzazione della giustizia, mandato massimo di 8 anni per i premier, agevolazione per le leggi di iniziativa popolare) che Rivera aveva in precedenza indicato come indispensabili per arrivare a un accordo. Continua a leggere È accordo “Mayonesa” tra Psoe e Ciudadanos

Spagna. Gli “approcci” di Podemos per governare

 iglesias

avantiSe venerdì scorso Pablo Iglesias ha chiesto ai socialisti di interrompere ogni contatto con Ciudadanos per poter parlare di un’alleanza di governo Psoe-Podemos, oggi il premier designato Pedro Sánchez si è mostrato stanco delle richieste da primadonna dell’ex attivista no global.

E gli ha risposto per le rime, chiedendogli di scegliere tra il Psoe e Rajoy. Podemos, infatti, tramite distinguo continui e discutibili prese di posizione, starebbe facendo il gioco del leader del Partido Popular, favorendo di fatto un suo ritorno al governo. Continua a leggere Spagna. Gli “approcci” di Podemos per governare

Spagna. Podemos prova a dettare condizioni al Psoe

Pablo Igesias (C), leader of Podemos, a left-wing party that emerged out of the "Indignants" movement gives the thumbs up during a speech at a party meeting in Madrid on Octoer 18, 2014.  AFP PHOTO / DANI POZO

avantiDopo la rinuncia di Rajoy e la disponibilità di Podemos a discutere di un nuovo governo insieme ai socialisti spagnoli, Iglesias detta le condizioni di un accordo per un esecutivo di “cambiamento”. Innanzitutto, rispetto proporzionale dei risultati elettorali. Varrebbe a dire una equa suddivisione dei ministeri.
Segue la richiesta di una vicepresidenza. Se Pablo Iglesias pare aver accettato l’indiscutibilità di un governo a guida socialista, è anche vero che ora reclama il secondo gradino del podio. Per sé, probabilmente, e anche per Izquierda Unida, che farebbe da terza stampella. Continua a leggere Spagna. Podemos prova a dettare condizioni al Psoe

Il guazzabuglio spagnolo, l’Italicum, il settarismo e le regole del parlamentarismo

renzi sanchez

quadrifoglio miniSe una cosa insegnano le elezioni spagnole è che esistono poche regole affinché un sistema politico funzioni. E questo a seconda del suo assetto istituzionale e della legge elettorale.

In Spagna, ad esempio, siamo di fronte al trionfo del parlamentarismo. Della rappresentanza, della mediazione. Della proporzionalità. Grazie anche a sistemi elettorali che hanno prodotto e produrranno governi necessariamente di coalizione. Continua a leggere Il guazzabuglio spagnolo, l’Italicum, il settarismo e le regole del parlamentarismo

PSOE. I 7 passi di Sanchez per risalire la china

sanchez

avanti[Avanti! – 23/11/2015] In Spagna, il PSOE tenta la risalita in vista delle elezioni del 20 dicembre. Il segretario Pedro Sánchez, candidato a Primo Ministro, ha proposto “sette passi” per un programma di governo socialista.

I primi tre punti riguardano l’economia: un nuovo statuto dei lavoratori, il sostegno alle imprese e la formazione dei dipendenti, il reddito minimo. Segue poi la Continua a leggere PSOE. I 7 passi di Sanchez per risalire la china