Archivi tag: Martin Schulz

Datemi una P, datemi una D, datemi una S

OBAMA_RENZI[1]

[Caffè News] Non è chiaro il livello del discorso tra Renzi e Obama sulla necessità di cambiare il nome del Partito Socialista Europeo. Ne ha parlato Repubblica (QUI) e, a quanto pare, Renzi vorrebbe rinominare il vecchio PES-PSE in “Partito Democratico Europeo”, o qualcosa del genere. Fuori il riferimento al socialismo, vecchio e fuori moda. Dentro un più americano “democratic”.

Avvicinare la sinistra moderata europea a quella d’oltreoceano parrebbe il sogno del premier italiano, al fine di dare appoggio maggiore ad Hillary Clinton, nonché di rottamare l’idea europea di socialdemocrazia.

Ma l’operazione di Renzi manca di senso logico. Continua a leggere Datemi una P, datemi una D, datemi una S

Vengo dopo il Pci – Il primo partito d’Europa

[Caffè News] Ottenuta la fiducia, il Governo di Matteo Renzi si ritrova immediatamente a fare i conti con una serie di polemiche dovute alla gestione della successione a Letta (il quale, durante la cerimonia della campanella, si mostrerà gelido e distaccato nei confronti del neo-premier). Ma la composizione del governo sarà ragione di dibattito pubblico, soprattutto per quanto riguarda la presenza di alcuni indagati e, soprattutto, di Federica Guidi. Costei, nominata Ministro dello Sviluppo Economico è infatti da sempre notoriamente vicina a Berlusconi. Stefano Fassina commenta come “inopportuna” la sua presenza, tirando in ballo il conflitto d’interesse. La Guidi risponde alle polemiche dimettendosi dagli incarichi operativi ricoperti in tutte le aziende di famiglia. Continua a leggere Vengo dopo il Pci – Il primo partito d’Europa

Francia e Slovacchia, tempi duri per i socialisti europei

kiska[1][Caffè News] Il nuovo Presidente della Repubblica Slovacca è Andrej Kiska, indipendente ma sostenuto compattamente al ballottaggio dall’area altrimenti frammentata del centrodestra. Sconfigge Robert Fico, attuale premier socialdemocratico, catalizzando i voti dei delusi dell’operato dei governi della sinistra.

Non ci sarà un immediata ricaduta sul governo, a quanto sembra, ma lo strafalcione dello Smer a margine delle elezioni per il rinnovo del Parlamento Europeo pare essere una cartina di tornasole, almeno quanto le spinte revisionistiche del Front National, di Alba Dorata e del Movimento 5 Stelle. Continua a leggere Francia e Slovacchia, tempi duri per i socialisti europei