Archivi tag: marine le pen

Francia, l’FN non passa. Il PS: “Successo senza gioia”

Marine-Le-Pen

avantiLa Francia non ha ceduto il passo al populismo fascista del Front National e, nonostante le celebrazioni pruriginose e un po’ masochiste di Marine, Marion e fiammelle varie, i partiti democratici restano in sella.

Soddisfazione dal governo di Valls e dalla segreteria di Jean-Christophe Cambadélis, che però parla di «successo senza gioia», anche per via della forte astensione. Non era facile, per i sostenitori del Parti Socialiste o comunque dell’Union de la gauche, turarsi il naso e votare per Les Républicains di Sarkozy. Non a caso, infatti, da rue de Solférino si celebra ora «l’immenso senso del dovere» degli elettori di sinistra. Continua a leggere Francia, l’FN non passa. Il PS: “Successo senza gioia”

Le Le Pen sono fiammelle di paglia

marion le pen

quadrifoglio miniIn Francia non ha vinto Le Pen, come hanno cercato di farci credere per una settimana. Le regioni sono state conquistate dal centro-destra di Sarkozy o dal PS di Valls-Cambadélis-Hollande. Il Front National, pur essendo il primo partito, non ha vinto in nessuna regione. Magie del doppio turno. Continua a leggere Le Le Pen sono fiammelle di paglia

L’appello di Valls contro la ‘truffa’ Le Pen

French Prime Minister Manuel Valls delivers a speech at the Guildhall in London, on October 6, 2014. French Prime Minister Manuel Valls on Monday defended his Socialist government against a stream of criticism of its economic and business reforms during a visit to London. AFP PHOTO/BEN STANSALL (Photo credit should read BEN STANSALL/AFP/Getty Images)

avantiEppure Manuel Valls ci aveva pensato in anticipo, quando aveva proposto di presentare direttamente liste congiunte del Parti Socialiste e di Les Republicains per arginare il fenomeno Le Pen. Il risultato del primo turno potrebbe portare di fatto a un finale del genere, nonostante la riottosità dei repubblicani e i dubbi degli stessi socialisti.

Una sorta di Partito della Nazione d’oltralpe. Quando Valls salì al governo si parlò dell’ombra di Sarkozy dietro l’operazione. E non pochi fecero un parallelo tra il premier francese e Matteo Renzi. Continua a leggere L’appello di Valls contro la ‘truffa’ Le Pen

Terrorismo. Sinistra divisa: solo francese nelle moschee

R600x__islam_francia

avanti[Avanti! – 24/11/2015] Julien Dray, consigliere regionale francese dell’Île-de-France vicino ad Hollande, lancia un’ulteriore idea per contrastare il terrorismo: vietare le prediche musulmane in arabo.

Sia chiaro, la proposta del membro del Parti Socialiste non intende proibire la recita dei versetti coranici nella lingua madre di Maometto, ma soltanto fare in modo che il contenuto dei sermoni esplicativi successivi alla preghiera vengano pronunciati in francese in modo da essere maggiormente comprensibili anche al di fuori delle comunità arabo-islamiche. È uno schema simile a quello esistente nelle sinagoghe, Continua a leggere Terrorismo. Sinistra divisa: solo francese nelle moschee

Francia. Valls: un asse con i Repubblicani contro Le Pen

valls

avanti[Avanti!12-11-2015] In Francia, Manuel Valls (nella foto) lancia uno spiazzante spunto d’intesa per un patto elettorale che possa arginare l’ascesa di Marine Le Pen e del suo Front National. L’idea del Primo Ministro francese è quella di una larga e duratura alleanza dei socialisti con Les Républicains, il partito di centro-destra fondato da Sarkozy come successore dell’UMP. Secondo Valls, un patto elettorale in vista delle elezioni regionali di dicembre potrebbe mettere i bastoni tra le ruote all’estrema destra, specie nelle regioni dove la fiamma tricolore è più forte (in primis Provenza-Alpi-Costa Azzurra e Nord-Passo di Calais-Piccardia).

Le motivazioni sono diverse. Continua a leggere Francia. Valls: un asse con i Repubblicani contro Le Pen

Che beffa la destra che rinasce dalla Lega

salvini-150x150[1][Caffè News] Matteo Salvini aveva annunciato di voler creare una “Lega dei popoli”, che unisse alla Lega Nord un movimento politico da radicare nel centro-sud. Ma l’Huffington Post [QUI] ci rende edotti su quanto il segretario del Carroccio stia per fare: mettere da parte leghe e legarelle e farsi un partito nuovo, a proprio nome. Forte del consenso creato un po’ ovunque grazie a un populismo spicciolo (che infatti sta rubando sempre più sostenitori a Grillo e al Movimento 5 Stelle), vorrebbe nascondere sotto il tappeto le istanze nordiste e unire lo Stivale su tesi simili a quelle del Front National di Marine Le Pen, con la quale c’è già intesa all’europarlamento. Il tracollo di Forza Italia lo sta aiutando a fare il resto. Insomma, la destra dovrà subire la beffa di rinascere dalla Lega. Da quella Lega “costola della sinistra” e da quella Lega che rigettava allegramente i valori nazionali che furono della destra del Movimento Sociale Italiano.

Giuseppe Guarino

– See more at: http://www.caffenews.it/politica/60680/che-beffa-la-destra-che-rinasce-dalla-lega/#sthash.9oUGArTw.dpuf

La convergenza a destra di Beppe Grillo

[Caffè News] “Il MoVimento 5 Stelle non è fascista, non è di destra, né di sinistra”. Era soltanto gennaio quando Beppe Grillo diceva queste parole, predicando una presunta estraneità ai poli tradizionali del partito-non-partito. [Fonte: QUI]

Tra chi fingeva di non notare gli apprezzamenti a Casapound e chi taceva sul metodo autoritario di gestione del potere (non diverso da quello di altri partiti personali, tra tutti Sel di Nichi Vendola), Grillo faceva incetta dei voti di tanti cittadini stanchi della gestione logorata del potere da parte dei partiti tradizionali. Continua a leggere La convergenza a destra di Beppe Grillo

Obama e Hollande, gli impopolari

[Caffè News] Sono i presidenti di due delle più grandi potenze mondiali, idoli delle sinistre riformiste di mezzo globo. E leader delle classifiche d’impopolarità.

Sarà un vizio delle sinistre, ma sembra proprio che Barack Obama e François Hollande non abbiano più gli ampi consensi d’un tempo. Continua a leggere Obama e Hollande, gli impopolari