Archivi tag: lloyd alexander

Avventura in Illiria | Lloyd Alexander | Recensione

illiria

gdc_mini

In Italia, di Lloyd Alexander è stato pubblicato relativamente poco. E quel poco comprende le cronache di Prydain (ad eccezione della raccolta di racconti The Foundling and other tales of Prydain) e solo il primo volume sia della trilogia di Westmark (Terra d’occidente) che della saga di Vesper Holly. Continua a leggere Avventura in Illiria | Lloyd Alexander | Recensione

Bollettino letture, dicembre 2014

dicembre

gdc_miniAnno nuovo, abitudini vecchie… Come già fatto precedentemente, elenco le letture che ho portato a termine nell’ultimo mese del 2014. Nel leggere, però, scordatevi jingle bells e le carole natalizie. E il marzapane e il panettone coi canditi. Noi si va giù duro. Come i colpi del pugile orbo protagonista delle dieci storie diverse ma uguali della prima antologia della Factory dei Sognatori. Come le storiacce vere della mafia, alle prese con l’industria alimentare piuttosto che con spaccio e prostituzione. Come le confessioni di un editore stressato. Come i vecchi monologhi di un piccolo comico dinoccolato. Come le teste dure degli antagonisti d’un romanzo per ragazzi. Come la critica alla società borghese di un Moravia d’annata. Come le divagazioni storiche d’un filosofo napoletano. Come quel pandoro rimasto aperto e lasciato solo soletto in dispensa fino a quando qualcuno, probabilmente non prima della metà di febbraio, non si deciderà a farne becchime per pettirossi. Continua a leggere Bollettino letture, dicembre 2014

Il Sommo Re (Le Cronache di Prydain) | Lloyd Alexander | Recensione

Pentola-Magica

gdc_mini

Quinto (e ultimo) romanzo della Saga di Prydain, contenuto insieme al precedente (Taran il Girovago) nel volume Taran di Prydain edito dalla Fantacollana Nord e oramai da anni fuori catalogo. È tuttavia ancora facilmente recuperabile a prezzi poco proibitivi su qualche sito specializzato in libri usati.

Tra tutti i romanzi della serie è quello meno coinvolgente, in quanto piuttosto incentrato sulle battaglie, nelle quali la narrazione rischia più volte di impantanarsi. Quanto alla trama, c’è la solida battaglia tra il bene e il male e, nonostante nella prima parte risulti qualche episodio davvero degno di nota, decolla soltanto nell’ultimo quarto di libro.

Viene rilanciato il nemico immortale dei “figli del calderone”, presenti nei primi due volumi. La sfida epica del bene di Prydain contro il male di Arawn si spegne in un finale davvero troppo prevedibile. Peccato, poteva essere il gran botto di una delle saghe fantasy più riuscite, nonostante il filmaccio flop della Disney.

taran

Il sommo re di Lloyd Alexander in Taran di Prydain
189 (di 385) pp., Nord, 1989
Fuori Catalogo

Bollettino letture, Agosto 2014

20140826_113358

gdc_miniDopo aver pubblicato qualcosa nei giorni scorsi, recuperando dall’oblio libri letti mesi fa, ho deciso di cambiar volto a questa sezione blog. Il Guardiano dei Coccodrilli sarà da ora un rapporto mensile sulle ultime letture. Questo perché mi diverto così e anche perché fa figo.

Durante il mese di agosto ho letto tre saggi e due romanzi. I titoli sono L’algoritmo al potere di Francesco Antinucci (sugli aspetti sociali dell’evoluzione web), Il cappello del maresciallo di Marco Ghizzoni (un giallo), Rock Progressivo. Una guida di Stefano Orlando Puracchio (un saggio musicale sul progressive rock), Stil novo di Matteo Renzi (riflessioni politico-culturali sulla bellezza), Il sommo re di Lloyd Alexander (un fantasy, che conclude la saga di Prydain). Procediamo con ordine. Continua a leggere Bollettino letture, Agosto 2014