Archivi tag: gianni pittella

Europee 2014, testa a testa tra Pse e Ppe

pittella

[Sannio Week] Il Sannio ha incontrato il vice-presidente del Parlamento Europeo Gianni Pittella (lista Pd-Pse), che godrà quindi dell’endorsement dei dem beneventani in vista delle elezioni europee del prossimo 25 maggio. Pittella, già in corsa come segretario nell’ultimo congresso del Partito Democratico (quello che ha decretato la vittoria di Matteo Renzi) e ora tra i papabili per la presidenza dello stesso Parlamento di Strasburgo, ha tenuto nella giornata del 4 maggio un breve tour in diversi comuni (ad esempio Telese Terme e Frasso Telesino). Accompagnato dal segretario provinciale Erasmo Mortaruolo e dal sottosegretario alle infrastrutture Umberto Del Basso De Caro, ha infine fatto tappa nel capoluogo sannita, nella sede di Futuridea. Continua a leggere Europee 2014, testa a testa tra Pse e Ppe

Gianni Pittella sceglie Matteo Renzi

[Sannio Week] Archiviati i congressi del Pd si va verso le primarie dell’otto dicembre. E Gianni Pittella, vicepresidente del Parlamento Europeo, dopo aver incassato il 5,7% delle preferenze degli iscritti, si è incontrato con la sua base e ha dato vita a Laboratorio Democratico che, precisa, non è una nuova corrente ma una mozione che, appoggiando Matteo Renzi, non mancherà di chiedergli delle risposte politiche.

“Alleati leali di Renzi ma alleati scomodi”, è quanto dichiarato dal fratello del neo-presidente della Regione Basilicata, “sta a Renzi ora dimostrare di essere all’altezza del compito a cui lui stesso si e’ candidato”. Continua a leggere Gianni Pittella sceglie Matteo Renzi

Matteo Renzi e il Pd, sorti legate a doppio filo

[Caffè News] Matteo Renzi, lo abbiamo imparato, lo si ama o lo si odia.

E sì, perché il sindaco di Firenze, in questi anni, ci ha insegnato che il suo modo di fare, il suo linguaggio e le sue idee possono essere invise sia a chi è avvezzo ad un politichese postbellico che a chi si atteggia ad essere il nuovo che avanza con poche idee ma anche confuse. Continua a leggere Matteo Renzi e il Pd, sorti legate a doppio filo