Archivi tag: fini

Quei tentativi flop di rifare il Partito Repubblicano

republican-party-it[1]

[Caffè News] L’articolo sulla possibile rinascita di un Partito Repubblicano pubblicato qualche giorno fa da Luca Scialò [QUI] mi ha fatto tornare in mente qualche vecchio tentativo (fallito) di rifarlo, il Partito Repubblicano. Con tanto di elefantino nel simbolo.

Elezioni Europee 1999. La destra era già stata sdoganata e Gianfranco Fini tentò per la prima volta di chiudere l’esperienza post-fascista e creare un partito liberaldemocratico di centro-destra. A venirgli incontro fu Mariotto Segni, figlio di Antonio, ex democristiano che aveva tentennato un po’ tra destra e sinistra. Continua a leggere Quei tentativi flop di rifare il Partito Repubblicano

Cosa resterà di Forza Italia?

forza_italia[1]

[Caffè News] Cosa resterà del sogno del 1994? Probabilmente soltanto un ex premier gaudente, che si spinge in migliaia di progetti senza mai sceglierne uno definitivo. Dall’addio alla rivoluzione liberale, siamo giunti a quelli reali. E non parliamo di alleati più o meno fedeli, ma dell’essenza stessa del berlusconismo. Se Fede è andato via già qualche anno fa, vedere Sandro Bondi cambiare gruppo parlamentare come un Fini qualunque fa un certo effetto. E le voci di corridoio parlano anche di un prossimo addio di Verdini.

Riproponiamo la domanda. Cosa resterà di Forza Italia? E, soprattutto, cosa ne resta ad ora? Ne hanno parlato Amedeo La Mattina e Ugo Magri su La Stampa del 21 aprile (QUI), descrivendo grosso modo le prossime possibili mosse degli azzurri. Prendendo spunto dal loro interessante pezzo, abbiamo voluto dare una nostra chiave di lettura della questione. Continua a leggere Cosa resterà di Forza Italia?

Torna Fini, col rischio di fare una frittata di un uovo solo

fini[1][Caffè News] Gianfranco Fini riscende in campo. E questo non può che far piacere a chi crede nella politica come passione, competenza, movimentismo. Un po’ meno a una destra che da Fini si è sentita tradita, vuoi per aver sfasciato Alleanza Nazionale, vuoi per aver lasciato il Cavaliere.

Ebbene, lanciando il portale Partecipa, Fini tenta un nuovo percorso costituente della nuova destra italiana, dopo il fallimento di Futuro e Libertà.

Se Fli fallì fu colpa dell’eccessivo appiattimento sulle posizioni di Pierferdinando Casini e di Mario Monti, ossia al centrismo liberale di stampo sia cattolico che laico. È stato questo il più grosso neo dell’esperienza post-Pdl dell’ex Presidente della Camera, trombato con un misero 0.47%. Continua a leggere Torna Fini, col rischio di fare una frittata di un uovo solo

Perché in Italia serve un centrodestra valido

bandiere.pdl_.forza_.italia-600x3001[1]

[Caffè News] Il fatto che chi scriva sia notoriamente un simpatizzante del centrosinistra non deve scandalizzare più di tanto. Da sostenitore della forma di governo democratica (teoricamente non la migliore in assoluto, ma certamente il top in quanto a realizzabilità), infatti, non sono tanto preoccupato per un Pd che si attesti su livelli altissimi, quanto piuttosto per il pesante distacco nei confronti degli altri.

Alla base del sistema democratico, infatti, c’è la teoria dell’alternanza di governo, tipica di tante democrazie più mature della nostra (Francia, Stati Uniti, Regno Unito…) ma che da noi stenta a prendere piede. Abbiamo avuto quarant’anni di governo che, con coalizioni più o meno ristrette, ha sempre avuto il proprio perno nella Democrazia Cristiana. Poi è venuto il maggioritario, le coalizioni, Prodi e Berlusconi, l’alternanza di governo. Dal 1994 al 2006, centro-destra e centro-sinistra sembrano doversi finalmente succedere in una seria infinita. Continua a leggere Perché in Italia serve un centrodestra valido

Partiti a gestione personale. Il caso italiano

berlusconi_grillo[1][Caffè News] Pare fosse Sheehan a notare che i partiti e i movimenti politici che hanno dato vita alle tre grandi dittature del novecento (fascismo, nazismo e bolscevismo), riproducessero al proprio interno il sistema che propugnavano.
Ora, dando per scontato la veridicità di tale affermazione, andiamo ad osservarla sulle forze politiche italiane.

È sconcertante come due dei tre principali partiti abbiano una struttura verticistica, dove il leader assoluto, dichiarato o meno, sia insostituibile al punto che la sua mancanza potrebbe causare la dissoluzione del movimento politico stesso.

Parliamo di Forza Italia o, comunque, dei partiti di Silvio Berlusconi. È lui il deus ex machina del sistema, Cavaliere insostituibile alla guida di una rodata macchina aziendale. Chi non è d’accordo può andare via, i casi Fini e Alfano sono ormai di scuola. Forza Italia è un’impresa: tutti lavorano per un fine comune, le responsabilità sono ripartite gerarchicamente, è il capo a decidere le teste da tagliare o chi far salire di grado. Continua a leggere Partiti a gestione personale. Il caso italiano

Cerreto Sannita, giovedì 10 aprile La Biblioteca del Sannio ospiterà l’ex Presidente della Camera Fini per la presentazione del suo libro “Il Ventennio”

fini_web_locandina[Sannio Week] La Biblioteca del Sannio ospiterà l’ex Presidente della Camera dei Deputati Gianfranco Fini. L’appuntamento al Palazzo del Genio di Cerreto Sannita è per giovedì prossimo, il 10 aprile, alle ore 17.00.

Il presidente Fini presenterà il suo ultimo libro, edito da Rizzoli ed intitolato “Il Ventennio. Io, Berlusconi e la destra tradita”. Il testo raccoglie la testimonianza di un protagonista diretto della storia politica italiana a partire dalla “Svolta di Fiuggi” e dalla fondazione di Alleanza Nazionale fino ai giorni nostri.

Gianfranco Fini è stato segretario del Fronte della Gioventù e del Movimento Sociale Italiano, presidente di Alleanza Nazionale fino al 2008, Ministro degli Affari Esteri e Vicepresidente del Consiglio nel secondo e terzo governo Berlusconi, Presidente della Camera dei deputati dal 2008 al 2013, è oggi presidente dell’associazione Libera Destra. Continua a leggere Cerreto Sannita, giovedì 10 aprile La Biblioteca del Sannio ospiterà l’ex Presidente della Camera Fini per la presentazione del suo libro “Il Ventennio”

Gianfranco Fini a bordo campo, pronto a rientrare in partita

Gianfranco-Fini-penna-in-mano1[1]

[Caffè News] In tanti lo avevano dimenticato, e invece eccolo lì. Come un fulmine a ciel sereno torna Gianfranco Fini. In pubblicazione un libro, “Il ventennio”, dedicato al grande antagonista degli ultimi anni, a quel Silvio Berlusconi di cui era stato fedelessimo alleato della prima ora, contribuendo non poco all’ascesa politica dell’imprenditore di Arcore.

La storia, poi, la conosciamo tutti. Da Presidente della Camera durante la legislatura 2008-2013 cominciano i dissidi. Poi lo strappo, la fondazione di Futuro e Libertà, l’alleanza con Udc e Scelta Civica. Poi il flop alle elezioni. Infine la scomparsa. Continua a leggere Gianfranco Fini a bordo campo, pronto a rientrare in partita

Destra?

fini[Sannio Week] Angelino Alfano lo dichiara: “la sinistra non si faccia illusioni, il Pdl è unito”. Falchi e colombe in pace gli uni con gli altri, sembra, e sembra ormai tornare l’antica sintonia tra il vice-premier e Berlusconi.

Un bel quadretto familiare.Che ne è dei dissapori di qualche settimana fa? Che cosa è stato di tutti quelli che minacciavano di voler andar via dal Pdl-Forza Italia? Tutto tace.

I cantieri restano, invece. Continua a leggere Destra?

Il ritorno di Alleanza Nazionale

alleanza-nazionale[Sannio Week] Occhi puntati sulle spaccature del Pdl e, soprattutto, sulla possibilità della nascita di una nuova formazione elettorale di stampo spiccatamente centrista, basata sulla leadership del duo Alfano-Letta e benedetta dall’ex governatore lombardo Formigoni. Che la si chiami Partito Popolare o Democrazia Cristiana o Balena Bianca poco cambia. Continua a leggere Il ritorno di Alleanza Nazionale

Quando Fini e Mariotto lanciarono l’elefantino

segniSi tenevano le elezioni europee del 1999 e Mariotto Segni si alleava con Gianfranco Fini per creare un partito liberal-democratico e di centro-destra. Con una forte impronta maggioritaria e presidenzialista, nasceva “L’Elefantino”, cartello elettorale composto da Alleanza Nazionale e dall’altalenante Patto Segni.

Continua a leggere Quando Fini e Mariotto lanciarono l’elefantino