Lascia un commento

Sassuolo-Atalanta, la partita degli ex

peluso-consigli-atalanta-1024x404

canalesassuolominiDomani si gioca Sassuolo-Atalanta, una partita carica di significato per alcuni dei giocatori che andranno a disputarla. Sono diversi infatti, gli ex della gara, sia da una parte che dall’altra. Tra i neroverdi abbiamo Andrea Consigli, Davide Biondini e Federico Peluso, mentre in Lombardia giocano Jasmin Kurtic e Davide Bassi.

Biondini ha disputato a Bergamo la stagione 2013-14 in prestito dal Genoa, firmando 24 presenze. In nerazzurro non raggiunse i livelli sperati, probabilmente a causa di un utilizzo tattico non ottimale. A fine stagione, nonostante le dichiarazioni positive dell’allora responsabile dell’area tecnica Pierpaolo Marino, l’Atalanta non riscattò il centrocampista, che fece ritorno in Liguria.

Federico Peluso, invece, passò all’Atalanta dall’altra squadra cittadina, l’Albinoleffe, nel mercato invernale del 2008-09, dopo alcuni dissidi con la società seriana e nell’ambito di uno scambio con Cissé. In nerazzurro il difensore guadagnò un posto da indiscusso titolare, la convocazione e l’esordio in nazionale e, nel gennaio 2013, la chiamata della Juventus. Con la maglia dell’Atalanta ha disputato un totale di 115 gare, firmando 4 reti e vincendo il campionato di serie B 2010-11.

Infine, strettamente legato all’Atalanta è Andrea Consigli. Il portierone del Sassuolo ha infatti fatto a Bergamo tutta la trafila delle giovanili, facendo da terzo portiere dei nerazzurri durante la stagione 2005-06 in serie B. Dopo aver passato due stagioni in prestito alla Sambenedettese e al Rimini, nel 2008 tornò alla base dove, partito come secondo, nel girone di ritorno riuscì a strappare la maglia da titolare a Ferdinando Coppola. Ha quindi difeso la porta degli orobici fino all’estate del 2014, quando si è trasferito al Sassuolo.

Con la maglia della prima squadra dell’Atalanta, Consigli ha disputato sette stagioni, giocando la bellezza di 201 partite tra serie A e B e guadagnando anche la sua prima convocazione in nazionale maggiore, con la quale tuttavia non ha ancora esordito. Nella sua lunga carriera in nerazzurro ha portato a casa un Campionato nazionale nella categoria Giovanissimi, oltre a due Campionati di Serie B con la formazione maggiore.

Venendo ai giocatori nerazzurri con un passato a Sassuolo, avremo a che fare con Jasmin Kurtić, che in Emilia ha giocato la prima parte della stagione 2013-14. Il centrocampista sloveno arrivò in neroverde in compartecipazione dal Palermo, andando via in prestito al Torino durante il mercato invernale del 2014. Tornato dall’esperienza granata, il Sassuolo ne acquisì anche l’altra metà del cartellino, ma lo rispedì subito in prestito alla Fiorentina. Non riscattato dai viola e tornato in neroverde nell’estate 2015, non gli fu dato il tempo di disfare le valigie che l’Atalanta lo acquistò a titolo definitivo per 3,5 milioni di euro. La sua breve parentesi in neroverde si concluse così con 20 presenze tra campionato e Coppa Italia.

Ha un passato a Sassuolo anche Davide Bassi, terzo portiere della formazione lombarda. Bassi ha trascorso in Emilia la stagione 2011-2012, ricoprendo il ruolo di secondo di Alberto Pomini. Dopo aver difeso per quattro anni i pali dell’Empoli e passato una stagione da comprimario a Torino, nell’estate 2011 i toscani lo mandarono a Sassuolo in prestito con diritto di riscatto per la comproprietà. In neroverde non ebbe mai modo di esordire, tornando all’Empoli al termine della stagione.

Giuseppe Guarino

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: