Lascia un commento

Referendum for dummies

renzi-zagreblesky

[Caffè News] Con la presente non voglio assolutamente far propaganda né per il Sì né per il No, non voglio nemmeno dire cosa voterò io.

Solo che ci sono sei piccole cose che vorrei precisare.

1. Il referendum non è su Renzi. Non si vota per rimuovere il Presidente del Consiglio, questa è una cosa che può fare solo il Parlamento. Il referendum è sulle riforme costituzionali, non sulla permanenza di Renzi. Che poi il Presidente del Consiglio abbia detto che in caso di sconfitta voglia cambiar mestiere è un suo problema. Potrebbe anche rimangiarsi la parola in caso di vittoria del No, non ci sarebbe alcuna incorrettezza formale. In certi stati (in Venezuela, ad esempio) c’è il referendum revocativo del Presidente: uno strumento a prima vista democratico ma che può tramutarsi in uno sconcertante mezzo di controllo di potere.

2. Al referendum non c’è il quorum, quindi non potremo farlo fallire non presentandoci in massa alle urne. No, non è una mossa del governo, ma un disposto della costituzione attualmente in vigore.

3. L’Italia non si trasforma automaticamente in dittatura se dovesse vincere il Sì. Semplicemente, si andrebbero a modificare alcune delle competenze oggi ripartite tra Stato e Regioni e si passerebbe da un sistema bicamerale perfetto ad uno imperfetto – ossia dove Camera e Senato hanno funzioni diverse. Sarà una sola camera – eletta direttamente – a dare la fiducia al governo. Mentre l’altra – eletta con norme ancora da stabilire – sarà una mera rappresentanza regionale.

4. L’Italia non sarà distrutta da un giorno all’altro se dovesse vincere il No. Semplicemente rimarrebbe tutto com’è, almeno istituzionalmente.

5. Non si passerà da un’elezione indiretta del presidente del Consiglio ad una diretta. Questo nemmeno se dovesse andare in vigore l’attuale versione dell’Italicum. Siamo e restiamo una Repubblica Parlamentare, dove i governi rispondono al Parlamento e quest’ultimo risponde ai cittadini.

6. Fatevi una vostra opinione. Qui vi linko i siti dei comitati per il Sì al referendum e per il No (ce ne sono almeno un paio, QUI e QUI), studiatevi le opposte ragioni e fate la vostra scelta. E ci vediamo alle urne il 4 dicembre.

Giuseppe Guarino

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: