Lascia un commento

Sassuolo-Athletic Bilbao: non poteva andare meglio di così

Sassuolo - Athletico Bilbao

canalesassuolominiEsordio europeo fatato per il Sassuolo: non poteva andare meglio di così. Uno straripante 3 a 0 ha travolto i leoni baschi dell’Athletic Club de Bilbao, trasformando in una bolgia quella che era già una festa.

Un grande giorno per il Sassuolo, considerando anche che – insieme al Napoli – è stata l’unica italiana a vincere alla prima europea della stagione, dati i pareggi di Juventus, Roma e Fiorentina e il flop a San Siro dell’Inter di De Boer.

L’idea vincente del team emiliano, che con umiltà si è imposto contro una squadra di lunga tradizione europea, è imperniata su una determinazione fuori dal comune e una concentrazione da manuale. Il collettivo ha retto in solidità e ha dimostrato che si può pungere e far male anche senza Berardi (e Missiroli e Gazzola).

Eppure all’inizio, con gli spagnoli che avevano lasciato in panchina il loro bomber Aduriz, il rojiblanco Beñat ha fatto paura almeno un paio di volte alla difesa neroverde. Bravi Consigli e tutta la retroguardia a non farsi prendere alla sprovvista e a dimostrare di non essere un avversario da prendere sottogamba.

Tanto è vero che Valverde ha dovuto mettere dentro i rinforzi, Susaeta e lo stesso Aduriz, per tentare di alzare il baricentro e prendere in mano la situazione. Nulla da fare. Ci ha pensato lo spagnolo Lirola, che si è inventato un’azione impossibile, facendo fuori tre avversari e infilando sicuro in rete all’esordio da titolare.

Paura e confusione per i baschi, che da quel momento hanno perso lucidità aprendosi, sbilanciandosi, talvolta barcollando: Defrel ha dunque sfruttato un retropassaggio malriuscito di San José, infilandosi con un guizzo e mettendo a segno il gol del raddoppio, senza contare poi la sponda per Politano che di piatto ha insaccato di precisione anche la terza rete.

Soluzioni non particolarmente innovative ma coraggiose, quelle che hanno portato alla vittoria, tenendo conto che senza un punto di riferimento importante come Missiroli – piuttosto che Berardi – certi equilibri rischiavano di saltare. Avere in campo cinque undicesimi sotto i 24 anni è un valore aggiunto dal sapore di una scommessa, anche questa vinta senza ombra di dubbio.

Mentre a Torino, Milano, Roma e Firenze già ci si interroga su cosa ci sia che non va, a Sassuolo si festeggia una vittoria già storica. Ma ora non bisogna montarsi la testa e, portati a casa i primi tre punti, c’è già da pensare alla prossima: il 29 settembre si va in Belgio ad affrontare un Genk che ieri a Vienna è stato sconfitto dopo essere passato in vantaggio per primo.

Giuseppe Guarino

pubblicato su Canale Sassuolo il 16 settembre 2016

Sassuolo-Athletic Bilbao: non poteva andare meglio di così

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: