Lascia un commento

L’ospitalità è sacra

welcome-people-1000x286

[Caffè News] Di tanto in tanto, in giro su Market Street o comunque nel centro città, capita di imbattersi in tanti signori vestiti di bianco, rosso e nero.

Sono le welcome people, un servizio di assistenza, accoglienza e benvenuto in 21 città di tutto il Regno Unito. Un servizio essenziale per i visitatori, scaturito da un progetto privato.

E proprio qui sta il bello. Quell’integrazione tra pubblico e privato così necessaria in tempo di spending review e che rappresenta una nuova frontiera nell’ambito dei servizi di accessibilità e, forse, anche del nuovo welfare.

Ho chiesto a uno di questi signori di farsi fotografare, che ho bisogno di materiale per Caffè News, dove sto curando una rubrica riguardante Manchester. Mi ha risposto cortesemente che la loro immagine è tutelata dal copyright e che per contratto non possono farsi immortalare, ma che sul loro sito ufficiale avrei trovato tutte le fotografie che mi fossero servite.

E poi due chiacchiere più concrete:
“Che ne pensi dell’ospitalità a Manchester?”
“Meravigliosa – rispondo – spesso molto meglio che in Italia”.
Mi ha guardato strabuzzando gli occhi, ma con quel pizzico di orgoglio che sprizzava dal petto gonfio.
Really?“, mi fa.
Yes, of course – ribatto – in Italia un servizio così capillare di informazione al visitatore non esiste nemmeno a Roma o a Firenze. Abbiamo gli InfoPoint, ma non persone che lavorano tutti i giorni per dare assistenza ai turisti”
Si adombra un po’, poi replica:
“Eppure non l’avrei mai detto. Voi avete le città più belle del mondo: Roma, Firenze, Napoli, Venezia…”

E questo, che è il più grande vantaggio che abbiamo, potrebbe essere una delle cose che limita la nostra azione. In quanto, accecati dalla bellezza del Golfo e del Vesuvio, del Colosseo e del Foro Italico, degli Uffizi e di Palazzo Vecchio, della Laguna e di Piazza San Marco, ci adagiamo pigri senza alcuna voglia di migliorare quello che abbiamo. Che è già perfetto, ma ancora perfezionabile. E non lo dico per noi italiani, ma per quelli che vengono dall’estero a vedere i nostri musei e le nostre città. Imitando servizi per il visitatore come le welcome people inglesi, potremmo dimostrare a questi turisti che da noi l’ospitalità è sacra. E non solo a parole.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: