Lascia un commento

Sono tutti uguali, anche quelli del M5S

m5s

quadrifoglio miniSi erano proposti come novità. E ci avevano fatto quasi credere che fosse così. Ma poi, continuando a ripetere che “sono tutti uguali”, hanno finito per cadere nella spirale da loro stessi alimentata. E ora in mezzo a quei politici “tutti uguali” ci sono finiti anche quelli del M5S.

Scandali e abiure, espulsioni e dietrofront hanno fatto il resto. Ormai, sempre di più e tranne per i fedelissimi, il Movimento 5 Stelle viene percepito come un partito tra tanti, portatore delle proprie istanze ma anche dei propri interessi.

Con tatticismi da prima repubblica, biechi accordi sottobanco o infelici ipotesi di complotto si sta giungendo nell’unico approdo possibile per una politica “contro il palazzo”. Perché, diciamolo chiaramente, che credibilità possono avere i continui attacchi al Parlamento da parte di chi su quei banchi siede ormai da tre anni?

Giuseppe Guarino

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: