Lascia un commento

Bollettino letture, ottobre 2015

WP_20151024_11_19_05_Pro

gdc_miniDieci dodicesimi di 2015 sono volati via. E con essi altri trenta giorni di letture più o meno appassionate, in quello che è stato un mese di svolta nella mia vita. Ho letto il secondo volume di una meravigliosa saga fantasy. Poi, in super-anteprima, il terzo capitolo del meraviglioso progetto di Wallace Lee (Rambo Year One). Andando avanti, ho ripreso la biografia di un ex presidente del Consiglio italiano, piccolo antipasto a un libro veramente rock e a una raccolta di racconti ch’è un cocktail di droghe.

lamasottile

La lama sottile di Philip Pullman

290 pp., Tea, 2000
€ 7.75 [fuori catalogo, nuova edizione: € 10.00] – Edizione digitale: € 13.99 [saga completa in un unico volume]

Mentre leggevo il primo volume della trilogia Queste Oscure Materie di Philip Pullman, il celeberrimo La Bussola D’Oro, decisi di acquistarne il secondo volume. Mi è poi successa la stessa cosa anche durante la lettura de La Lama Sottile, tant’è che ho preso anche Il Cannocchiale D’Ambra.

Questo è accaduto perché il romanzo mi ha conquistato, come ormai mi succede troppe poche volte. Proseguendo la storia oltre gli eventi de La Bussola d’Oro, la storia si fa più complessa. Meno storia per bambini e più simbolismo, in un romanzo che assume una sua specifica posizione filosofico-religiosa.

È tutto un incrocio di mondi, attraversabili grazie ad un piccolo coltello dalla doppia lama, capace di aprire finestre-ponte tra di essi. È la preparazione a qualcosa che si annuncia come dirompente.

E proprio per questo non gli dò cinque stelle. Essendo un libro di mezzo, numerose vicende restano in sospeso. Troppe, forse. Nonostante il romanzo sia meraviglioso, intriso di magia in ogni pagina.

Profondo. ★★★★


pointofnoreturn

Rambo Year One – Point of No Return (vol. 3) di Wallace Lee

246 pp., Di prossima uscita
Sarà reso disponibile in download gratuito QUI

Del progetto di Wallace Lee, Rambo Year One, su queste pagine si è ampiamente parlato. Si tratta di cinque romanzi che fanno da prequel a First Blood, romanzo di David Morrell e primo film della saga di Rambo con Sylvester Stallone.

In Point Of No Return, terzo volume della saga, abbiamo lasciato da un pezzo l’America e siamo in Vietnam. Il Baker Team, dopo essere stato impiegato in una missione convenzionale, comincia finalmente a fare quello per cui è stato addestrato.

Rispetto agli altri due, l’azione è serrata e costante, non ci si ferma un momento. Il romanzo è coinvolgente e assolutamente puntuale, contenente precisi riferimenti di tipo storico-geografico-politico-militare.

Dai lati, spuntano le storie personali di Rambo e dei suoi commilitioni. Viene fuori quella di Krakauer, rimasta finora marginale. Esplode con drammaticità quella di Grizzly Jorgenson. Commuove e affascina lo spirito di Rambo. Appassiona Ortega.

Il Baker Team si troverà ad affrontare qualche nuova sfida. Dalle missioni illegali in incognito fino a spingersi “oltre il cancello”, nel Laos, lungo il sentiero di Ho Chi Minh.

Un progetto eccezionale. Una pentalogia unica che sta cominciando a riscuotere consensi internazionali.

Serrato. ★★★★


catania craxiBettino Craxi. Una storia tutta italiana di Enzo Catania

459 pp., Boroli, 2005
€ 13.50

Biografia di Bettino Craxi, che diventa una storia del Paese.

Scritta con taglio giornalistico, è incentrata sulle voci dei protagonisti, che ricostruisce in un resoconto forse un po’ spasmodico. Questa edizione contiene inoltre un’intervista a Stefania Craxi.

Si dedica in maniera ampia ai fatti post-Tangentopoli, molto approfonditi rispetto ad argomenti come la crisi di Sigonella e il governo Craxi.

Valido. ★★★

 


essenzaEssenza di Macchina Cuore Cervello di Gianluigi Cabo Cavallo

302 pp., 2015
€ 12.00

Gianluigi Cavallo, per me, è una figura straordinaria. Uno che ha sempre messo tutto se stesso in quello che fa, raggiungendo innumerevoli traguardi artistici e professionali, coniugando la sua anima rock con l’innovazione informatica.

Lo adoravo da cantante dei Litfiba, ho rimpianto la sua scomparsa dalle scene, ho esultato al suo ritorno con Heroes prima e con IlNero poi.

Ecco perché, all’atto d’acquisto di E=MC2, prima opera della nuova band, non mi potevo far scappare il suo libro. Una biografia per aneddoti. Un lungo racconto rock. Il ripercorrere una vita vissuta senza mai fermarsi, zeppo di aforismi e di episodi spassosi e sognanti. Favoloso.

Qualche piccolo refuso permane, ma lo si perdona. Una autobiografia dall’anima davvero rock.

Rock. ★★★


zoo_cover

Zoo col semaforo di Paolo Piccirillo

123 pp., Beat, 2013
€ 9.00 – Edizione digitale: € 4.99

Dentro questo libro di Paolo Piccirillo c’è tutta una regione, la mia, la Campania. Riesce ad inquadrare e a descriverne i dettagli in maniera assolutamente fedele, rendendo al massimo l’idea.

Ma il libro non resta soltanto un cinico osservatore, bensì anche un favolistico caleidoscopio sugli animali. E tramite gli animali riscopre la grandezza e la miseria dell’umanità, incrociando le storie di Carmine ‘o schiattamuort’ e di Salvatore-Slator l’albanese.

Una scrittura soffice, che riprende elementi orwelliani e calvinisti.

Favolistico. ★★★


drugsDrugs. Nove racconti italiani

237 pp., Guanda, 2011
€ 16.50 – Edizione digitale: € 9.99

Antologia di racconti d’autori Guanda, curata da Divier Nelli. Sono tutte storie incentrate sulle droghe d’ogni tipo, raccontate in maniera un po’ eterogenea ma piuttosto gradevole.

C’è Cosmedin di Gianni Biondillo, un racconto futuristico ambientato in un’apocalittica Roma post-cristiana dove domina il culto di Hello Kitty. Il tuffo di Teresa Ciabatti è una storia di decadente nobiltà, scritto con maestria, pur non lasciando il segno.

Più tosto il racconto breve e ipnotico di Laura Del Lama, La cagna. È la storia d’una madre e di una figlia che non si vogliono. Segue un incubo noir alla marijuana albanese, il Visto, ma mai guardato di Marcello Fois.

Melencolia di Elisa Genghini è invece una meravigliosa sequenza di dipendenze e recuperi più o meno riusciti, drammatico antipasto al più umoristico (e psichedelico) Quel cielo così bianco di Gianluca Morozzi.

Ottimo il racconto di Divier Nelli, una sorta di disperata cronaca neo-realista (Un lavoro per vecchi).

Valerio Varesi in Bisogna esserci stati in mezzo, presenta un interessante dialogo tra un giudice e un ciclista dopato, una splendida riflessione sul concetto di giustizia. Chiude Marco Vichi con Lo sciopero: durante uno sciopero della Manifattura Tabacchi, un commercialista fiorentino innesca un interessante confronto indiretto tra droghe legali e illecite. E le differenze non sono poi così massicce.

Dopato. ★★★

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: