Lascia un commento

Nunzia De Girolamo non ci sta. Vuole andare via, vuole andarsene subito. Magari insieme al governo.

nunzia

[Sannio Week] Nunzia De Girolamo non ci sta. Vuole andare via, vuole andarsene subito. Magari insieme al governo.

Dopo la beffa delle regionali, in quanto Fernando Errico non è salito al poggio napoletano per via del sistema dei resti, che ha attribuito il suo seggio al candidato governatore Stefano Caldoro, riparte la richiesta di un centrodestra unito.

Ma prima bisogna fare pulizia interna. Donna Nunzia se la prende con Alfano (Gioacchino), coordinatore regionale di Ncd. Ne chiede le dimissioni e con esse il commissariamento del partito beneventano. Ma chissà.

Il coordinatore, da parte sua, chiede esattamente il contrario, ossia che la De Girolamo si decida. D’altronde la faccenda si sta trascinando da mesi. Rimanere in Ncd o ritornare a Forza Italia? Sì, no, boh, forse. Chissà.

Fatto sta che non è un mistero il continuo pressing su Alfano (Angelino), affinché si stacchi decisamente da Renzi e ritorni, figliol prodigo tra le braccia di Berlusconi, a prendersi il perdono.

Sulla stessa onda anche Mino Izzo, 7.700 preferenze alle regionali, che chiede un ricompattamento della coalizione moderata, capace di imporsi ancora a Benevento e provincia (come sempre controcorrente rispetto al trend nazionale).

Resta la questione del seggio scippato a Errico. Se Nunzia De Girolamo ha annunciato una raccolta firme per modificare la legge elettorale campana, Caldoro si è detto pronto ad impegnarsi per rappresentare anche il Sannio in consiglio regionale.

Difficilmente ne usciremo, almeno in questa legislatura (che, prima di cominciare, non si sa ancora bene che vita avrà).

L’unico consigliere regionale sannita è dunque Mino Mortaruolo. Un bene, perché il segretario provinciale del Pd è un ragazzo serio, che mastica buona politica e sa quello che fa. Tace quando deve tacere, agisce quando deve agire. Ma rischia di rimanere isolato, nel caos napoletano. Sia perché altri sanniti non ne troverà, sia perché tra De Luca e Umberto Del Basso De Caro non è che scorra tanto buon sangue.

Giuseppe Guarino

pubblicato su Sannio Week, rubrica “Legno sopra un’onda”, il 9/06/2015

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: