Lascia un commento

Avventura in Illiria | Lloyd Alexander | Recensione

illiria

gdc_mini

In Italia, di Lloyd Alexander è stato pubblicato relativamente poco. E quel poco comprende le cronache di Prydain (ad eccezione della raccolta di racconti The Foundling and other tales of Prydain) e solo il primo volume sia della trilogia di Westmark (Terra d’occidente) che della saga di Vesper Holly.

Qui parlo proprio di quest’ultimo. Vesper Holly, sedicenne con lunghi capelli d’un colore simile alla marmellata d’arance, è un’intraprendente ragazzina con tanta sete di avventure che, accompagnata dal suo tutore Brinnie, ne passerà di tutti i colori in quella terra che sta sulla sponda orientale dell’Adriatico.

È un romanzo per ragazzi, che si colloca tra l’educativo (ricerca della verità e del senso della storia) e l’avventuroso. Insopportabile e a tratti poco credibile il personaggio del tutore-narratore Brinnie. Riesce ad avere sempre torto e questo diventa ovvio relativamente presto, stancando il lettore. Probabilmente ad un pubblico più giovane (al quale il libro è indirizzato) la figura del professore impacciato può risultare divertente.

Originale l’ambientazione e non male la struttura della trama. Attuale il contesto, specie se paragonato alla questione palestinese: due popoli che si contendono la stessa terra cercando di escludersi a vicenda, senza però mai giungere ad una conclusione che non sia disastrosa.


avventura in illiria

Avventura in Illiria di Lloyd Alexander

141 pp., Salani, 1995
(£ 14.000)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: