Lascia un commento

Gay e divorziati. Le rivoluzioni di Francesco (e Benedetto)

Incontro-a-Castel-Gandolfo-di-Papa-Francesco-e-Benedetto-XVI1[1]

[Caffè News] Benedetto e Francesco. Il primo troppo odiato da un popolo che ingiustamente rimpiangeva il carisma di Giovanni Paolo II ed era incapace di apprezzare il pragmatismo del teologo tedesco. Il secondo, invece, amato da tutti. Anche da laici e atei. E questo è odore di grandezza. Altroché.

Ed eccoli lì, i due papi, d’accordo sulle rivoluzionarie aperture della chiesa cattolica. Uno intervistato da La Nacion [QUI], l’altro dal Frankfurter Allgemeine [QUI].

Numero uno: aperture ai divorziati. Comunione e addirittura la possibilità di fare da padrini di battesimo.

Numero due: eliminazione dello stigma sociale riguardo agli omosessuali. Troppo poco, dicono. Ma è già qualcosa. E qualcosa è meglio di niente.

Anche perché l’eliminazione dello stigma sociale è diventata la bandiera di Francesco, raccolta anche dal suo illustre predecessore. E la rivoluzione sta tutta qua, nel ricordare che siamo tutti figli dello stesso Dio. O cielo o mondo, a seconda di quello a cui crediate voi.

Giuseppe Guarino

– See more at: http://www.caffenews.it/societas/60889/gay-e-divorziati-le-rivoluzioni-di-francesco-e-benedetto/#sthash.4TErvGC3.dpuf

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: