I due assi del governo Renzi e i mostri informi

alfano

[Sannio Week] Il Nuovo Centrodestra scende in piazza per il semipresidenzialismo, facendo partire una raccolta firme per i progetti di legge di iniziativa popolari inerenti l’elezione diretta del Presidente della Repubblica e le riforme dei sistemi giudiziari e fiscali.

Temi caldi, in tempo di riforme istituzionali, ai quali non sfuggono certo i membri del partito di Alfano e Nunzia De Girolamo, che puntano ad iniziative popolari per meglio imporre i propri punti-chiave.

Scenderanno in piazza, quindi, anche e soprattutto nel Sannio, dove Ncd conta numerosi sindaci e amministratori comunali, pronti ad affermare con forza le proprie ragioni.

Le leggi di iniziativa popolare, la storia ci insegna, hanno avuto un pessimo successo: mai nessuna di esse, per quanto regolarmente presentata, ha trovato accoglimento dalle aule parlamentari. Sarà diverso ora che a promuoverne tre è la seconda forza di governo nonché la quarta forza parlamentare?

Emergono alcuni tratti preoccupanti del governo Renzi e delle sue iniziative, soprattutto riguardanti la consistenza dei suoi numeri. È un governo che presenta una maggioranza (fondata sull’asse Pd-Ncd-Centristi) per la fiducia e la sua sussistenza e su un’altra (asse Pd-Forza Italia, ben solido nonostante il dialogo con il M5S e lo stesso Ncd) per le riforme istituzionali. Un ibridismo che potrebbe portare all’approvazione di alcuni mostri informi. E che ai marescialli dell’Ncd il ruolo dei subalterni stia stretto lo dimostra questa iniziativa.

Giuseppe Guarino

pubblicato su Sannio Week, rubrica “Legno sopra un’onda”, il 14 luglio 2014

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.