Lascia un commento

Le fotografie in musica dei napoletani Beltrami

ScreenHunter_242-Jun.-09-05.50[1]

[Caffè News] Un appuntamento made in Sud, un disco piacevole e pieno di gradevoli spunti musicali. Stiamo parlando di Intorno, il primo album ufficiale dei napoletani Beltrami (ossia Giampiero Jum Troianiello, Pasquale Omar Caldarelli, Carmine Franzese, Mario Urciuoli e Pasquale Rummo), che si destreggiano con maestria tra atmosfere cantautorali e rockeggianti, regalando anche qualche perla di ottima fattura.

Solo per essere noi apre il disco con personalità, mettendo subito in chiaro lo stile e l’atmosfera che ci accompagneranno in tutto il disco. E viene subito seguita da un pezzo molto jazz e che si intitola Lo spazio di una sillaba, che riprende un certo andazzo da night con un carezzevole sassofono a fare da comprimario accanto alla voce del buon Giampiero Jum Troianiello. Più dark Un aquilone, che riecheggia percorsi armoniosi dai tratti urbani, sfogando in un coro finale che riesce ad accendere le luci sul brano, che va così a colorarsi con tinte finalmente più vivaci.

Una radio che non va apre Primadì, che ci racconta una storia che sa di jazz, anni ’30, fiati e contrabbassi. Altri esperimenti, seppur interessanti, incidono meno, ripercorrendo strade più classiche e convenzionali, stupendo con qualche passaggio ma rimanendo fedeli ad uno schema ben preciso (il primo singolo estratto Eureka!, Leggeri, la graffiante L’essenza di me).

C’è anche lo spazio per una collaborazione d’eccezione, con Roberto Angelini (Prima o poi), che disincanta con un testo malinconico e nostalgico, ma che poi finisce per decollare in un assolo finale che, come un raggio di sole in un giorno di pioggia, riaccende le speranze.

Piacevole e per palati fini la tangheggiante Ganôt, una splendida interpretazione sia vocale che strumentale (c’è un violino solista che fa da protagonista). Chiude il disco Tu il mare, un pop raffinato, che lascia l’amaro in bocca e un senso di smarrimento per un disco che ha il difetto di terminare troppo presto.

Giuseppe Guarino

– See more at: http://www.caffenews.it/avanguardie/57581/le-fotografie-in-musica-dei-napoletani-beltrami/#sthash.SPkK5n85.dpuf

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: