Lascia un commento

Winamp chiude, la fine di un’era

winamp[1][Caffè News] Lo abbiamo utilizzato per anni come alternativa gratuita a Windows Media Player e RealPlayer. Era l’epoca dei programmi freeware e di internet a 56K, quando i software si scaricavano molto raramente e le penne usb erano ancora accessori di un certo costo.

All’epoca, chi non si ricorda, le utility si trovavano acquistando le riviste d’informatica che avevano in allegato quei graziosi cd zeppi di centinaia di programmini, spesso distribuiti con licenza freeware o shareware, come WinRAR, WinZip, DirectX, giochini d’ogni tipo e, appunto, Winamp.

Formato da un’interfaccia grafica piacevole e leggera, personalizzabile con skin d’ogni tipo e formato, era un lettore accattivante, capace di esercitare sull’utente un certo fascino e di rendere facile e piacevole la gestione delle playlist.

Poi? Poi sono venuti altri prodotti. È arrivato YouTube, che molti utilizzano come player musicale, iTunes di Apple ha assunto livelli di popolarità incredibili e, infine, la musica in streaming di Spotify sta conquistando il mercato.

Il prossimo 20 dicembre, dunque, dopo vent’anni, Winamp esalerà l’ultimo respiro.Il messaggio che lo annuncia, sulla pagina di download, è questo [fonte: QUI]:

Winamp.com and associated web services will no longer be available past December 20, 2013. Additionally, Winamp Media players will no longer be available for download. Please download the latest version before that date. See release notes for latest improvements to this last release.
Thanks for supporting the Winamp community for over 15 years.
[Winamp.com e i servizi web associati non saranno più disponibili dal 20 dicembre 2013. Inoltre, i media player Winamp non saranno più disponibili per il download. Scaricate l’ultima versione prima di quella data. Leggete le note di rilascio per gli ultimi miglioramenti dell’ultima release. Grazie di aver supportato la community di Winamp per più di quindici anni.]

Acquistato da AOL nel 1999, annaspava oramai da tempo e, nonostante si fosse convertito alla multipiattaforma rilasciando versioni per Android e Mac, era ormai relegato allo svilente ruolo di outsider di nicchia.

Il resto è storia e nostalgia, di skin scaricate e mai utilizzate, di plugin d’ogni tipo e di tanta buona musica. Addio dunque a Winamp, che esce dall’uso comune ma resta nella storia del software mondiale, che con le sue note ha contribuito a scrivere.

Giuseppe Guarino

– See more at: http://www.caffenews.it/societas/57015/winamp-chiude-la-fine-di-unera/#sthash.dfIUDMDl.dpuf

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: