Lascia un commento

Viabilità e sicurezza. Lettera di Rubano a Cimitile

consiglio-provinciale-12-1211A[1]

[ViviTelese] Illustrissimo Professore, nel 2010 il Comune di Cusano Mutri chiese alla Provincia di installare dei dossi sulla s.p. 16 Mutria, nel tratto che segna l’ingresso nel centro abitato, che è stato teatro di numerosi incidenti anche mortali.  La richiesta dell’Amministrazione nacque anche dalle insistenti proteste dei cittadini residenti, esasperati dalla alta velocità con cui si transitava sulla suddetta strada che, oltre ad essere densamente popolata è sede anche di numerosi esercizi commerciali e  della Scuola Media.

La Provincia, nella persona dell’ing. Liliana Monaco, all’epoca Dirigente dell’Ufficio Tecnico,  in risposta alla richiesta del Comune di Cusano  optò per il posizionamento di due passaggi pedonali rialzati, uno all’ingresso del centro abitato, l’altro davanti alla Scuola Media.

 Ciò diede vita anche a molte, inspiegabili,  polemiche circa la loro regolarità, tanto è vero che presentai un’interrogazione nel giugno del 2010 proprio per avere contezza del fatto che detti passaggi pedonali rialzati fossero regolari e a norma del Codice della Strada.

Il mese scorso, a causa della loro usura, che, devo ritenere, doveva essere tale da escludere interventi manutentivi, detti passaggi pedonali sono stati rimossi entrambi. Ciò ha riproposto gli stessi problemi  che esistevano prima della loro installazione, con relativo incidente: nella notte del 31 agosto u.s. si è verificato uno scontro frontale tra due autovetture che, solo per buona sorte non si è risolto in tragedia,  proprio dove era ubicato uno dei due passaggi pedonali.

Di fronte a questo fatto che prova in maniera indiscutibile che su questo tratto di strada i dossi sono indispensabili, chiedo che IMMEDIATAMENTE vengano riposizionati e, anzi, anche implementati, così come richiesto originariamente dall’Amministrazione Comunale di Cusano.

Che si tratti di dossi o degli stessi  passaggi pedonali rialzati, saranno i tecnici a stabilirlo ma QUESTO INTERVENTO VA FATTO SUBITO  e i problemi di budget, benchè reali, non dovranno  prevalere sull’esigenza di sicurezza dei cittadini.

Colgo l’occasione, inoltre, per ringraziarLa per aver dato seguito alla mia  richiesta  ed aver stanziato la somma necessaria a completare l’arredo della rotonda in località Pastorello a Cerreto Sannita  e per esprimerLe tutta la mia soddisfazione per la realizzazione della rotonda in località Battitelle sulla s.p. 76 Mutria, i cui lavori, mi dicono,  inizieranno a breve.

La mia  prima istanza per la messa in sicurezza di questo pericolosissimo  incrocio, anch’esso teatro di paurosi incidenti,  risale al 2004 (supportata all’unanimità  anche dal Consiglio Comunale di Cusano,  con proprio atto n. 37 dello 08/09/2004) ed è stata reiterata ogni anno.

Questo intervento, come del resto anche la rotonda al Pastorello,  giunge sicuramente in ritardo rispetto alle esigenze dei cittadini sia a causa della burocrazia, che rallenta ed  ingabbia le determinazioni, sia a causa della superficialità con cui è stato gestito il denaro pubblico. Sia per la rotonda del Pastorello per  quella alle Battitelle, infatti, la cifra occorsa è sicuramente modesta rispetto a quelle somme  cui eravamo abituati in passato a dimostrazione del fatto che, troppo spesso, i soldi pubblici sono stati spesi in larga parte per aspetti non necessari alle realizzazioni cui erano destinati.

Esprimo comunque soddisfazione per la  realizzazione  di un’opera davvero necessaria per la sicurezza dei cittadini e che, mi auguro, venga realizzata in maniera conclusiva e definitiva. Ritengo, infatti,  che in futuro potrebbe essere davvero difficile predisporre correzioni o miglioramenti e, quindi, spero che la sua realizzazione sia tale da risultare funzionale e duratura. Estendo questa considerazione anche ai lavori per la messa in sicurezza della s.p. 76 Mutria nel tratto che va da Cerreto a Cusano  relativamente ai quali ho avuto modo di manifestare tutta la mia perplessità, condivisa peraltro anche da tanti altri, privati cittadini e non, che, però, hanno preferito non esporsi. I quattro milioni e mezzo di euro stanziati per la messa in sicurezza della suddetta strada, infatti, non si ripeteranno e, quindi, la soluzione scelta per risolvere il problema dovrà necessariamente ed assolutamente essere definitiva.

Cordiali saluti.

Li 4 settembre 2013

Lucio Rubano  Già Consigliere Provinciale

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: