Lascia un commento

Un abbraccio a Zanetti, il capitano del calcio d’un tempo

saverio

Sono juventino ma su Javier Zanetti non si possono avere dubbi. L’inossidabile capitano dell’Inter è una bandiera per i suoi tifosi e un grande esempio per tutti gli sportivi. Un giocatore leale e fedele alla maglia, con pochi pari nel calcio moderno. Nell’immaginario collettivo lo si accosta a Costacurta, Del Piero, Maldini, Totti, Buffon, Bergomi, Di Livio. Per Zanetti c’è la maglia sopra ogni cosa, per i tifosi dell’Inter c’è il capitano-guida verso le mille battaglie e i trionfi della Beneamata.

Nessuno stupore, dunque, che la rottura del tendine d’achille del numero 4 interista abbia generato un polverone di messaggi di solidarietà nei confronti del persistente argentino. Lui, l’eterno idolo della Milano nerazzurra, ha reagito come tutti speravano: “La mia carriera non è finita, tornerò più forte di prima”.

E se l’Inter si stringe calorosa al suo capitano, dagli altri club arrivano messaggi d’amore e attestazioni di stima per il campione. Dall’altra sponda di Milano, è Mario Balotelli ad augurare a Zanetti di tornare presto in campo “perchè non è solo un grande campione ma un grande uomo”. E l’altro perno della nazionale italiana, El Shaarawy, gli strizza l’occhio con un “ci vediamo presto in campo!
E se i tifosi rossoneri erano stati (eufemisticamente) poco carini col coro “Zanetti salta con noi!”, la società milanista incalza stringendosi al campione nerazzurro. Zanetti non si discute, è un campione e un simbolo al di là della maglia che porta.

Lo scanzonato Totti, dalla Capitale, dà il suo incoraggiamento con un “Javier, ahò, non fare scherzi”, mentre Pepito Rossi (che d’infortuni ne sa qualcosa), augura un in bocca al lupo a Pupi.

Anche gli eterni rivali bianconeri sono solidali con lui. Da Conte che si augura di rivederlo presto in campo, a Marchisio che spera in una pronta guarigione per “una persona e un giocatore che stimo tantissimo”. Da Torino arriva anche la vicinanza di Quagliarella e di Simone Pepe. Anche Alessandro Del Piero, in giro tra Australia e Stati Uniti, lancia un tweet per Zanetti: “In bocca al lupo Javier Zanetti. Tiferó per il tuo rientro in campo!”

Zanetti sorride, ringrazia per l’affetto e non demorde. È il capitano del calcio d’un tempo, uno che non crolla mai.

Giuseppe Guarino

pubblicato su Sannio Week, rubrica “Legno sopra un’onda”, il 5 maggio 2013

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: