Lascia un commento

Mi scusi Presidente.

quirinale[1]

Mi scusi Presidente o, dovrei dire, quasi Presidente. Visto che ancora non è stato eletto, visto che ancora non conosciamo il suo nome.

Mi scusi Presidente. Non so se lei avrà il volto pacato di Romano Prodi, l’impegno sociale di Gino Strada o la spigolosità di Emma Bonino.

Mi scusi Presidente. Di lei non so ancora nulla, ma so che mi starà simpatico. Perché? Al di là di chi lei sia dovrà essere chiamato a risolvere la matassa intrecciata della politica italiana. Dovrà fare da tramite tra i democratici del “noi al governo a tutti i costi”, i pidiellini del “governo di larghe intese”, i grillini del “noi difendiamo la costituzione e la legalità anche se con una certa vaghezza e solo quando e come diciamo noi” (leggasi “quando e come dice Grillo”). In quanto ai montiani, beh, numericamente contano poco ma almeno sanno dire la loro.

Insomma, Presidente, una gran bella responsabilità.

Ma lei, Presidente, potrebbe anche essere bravo a smascherare i giochini di parte. Potrebbe smascherare l’aperta chiusura del Pd a Berlusconi e rivelare che è un chiaro tentativo (l’ultimo forse) per non perdere il proprio elettorato o, almeno, tentare di salvare il salvabile. Potrebbe svelare i piani di Berlusconi, auto-elettosi responsabile di professione, che forse vorrebbe l’ennesima legge o l’ulteriore condono ad personam. Potrebbe rivelare la vera identità dei grillini, il boom e il bam dei giorni nostri, il loro gran fumo e l’arrosto bruciato.

Potrebbe, Presidente. Ma, mi dimentico, che anche lei sarà nominato da un gruppo politico. E quindi potrebbe svelare delle cose e coprirne dell’altre. Ma, ce lo diciamo tutti in nome della Costituzione, speriamo di no.

Quindi, Presidente, lo so che sto abusando del buon Gaber, ma “i limiti che abbiamo ce li dobbiamo dire”. E, Presidente, questi limiti potrebbe metterli in luce soltanto lei, sperando che Bersani, Berlusconi, Grillo, Monti, Maroni-Bossi, Vendola, Renzi, La Russa, Casini e Tabacci possano intenderli in maniera univoca e chiara.

Mi scusi Presidente, ho parlato anche troppo.

Cordialmente,

Giuseppe Guarino

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: