Lascia un commento

Il parlamento che non c’è

umberto bossi roberto calderoliA cosa serve un Parlamento che non ha alcuna funzione, se non interna al partito? A cosa serve in una nazione che non esiste? A nulla, assolutamente a nulla. La funzione del Parlamento del Nord è praticamente uguale allo zero. Un Parlamento che non serve a niente in uno Stato (la Padania) che non esiste.

Ennesima provocazione degli omini in camicia verde, è la prova dei numerosi tentativi di rendere totalizzante il credo padano, inventato di sana pianta da Umberto Bossi e colleghi nell’ormai lontano 1989. È la riprova che basta una teoria creativa (il Nord è migliore del Sud), un capro espiatorio (il Sud ci ruba soldi e lavoro e Roma ladrona), un tam-tam comunicativo (giornali, radio e tv padane) e, infine, un leader carismatico (Bossi) per sviluppare un movimento capace di adescare frotte di adulanti fedeli disposti a sciacquarsi nel Po e sputare sul tricolore.

Anche la recente dichiarazione di Gianluca Buonanno può essere considerato un tentativo di totalizzazione. E se la Padania esiste perché esiste il Grana Padano, possiamo dire che esiste anche la Terra di Mezzo poiché Tolkien vi ha ambientato diversi romanzi.

Ma non è tutto, i leghisti hanno mostrato, con la riapertura del Parlamento Padano (che tra l’altro non è nemmeno un organo democratico poiché mancano sia elezioni a suffragio universale che garanzie sull’unicità del voto), il loro malcelato opportunismo.

Come nel peggiore dei giochi, assumono posizioni moderate quando ottengono il potere, blaterando ancora di Padania e di Secessione, ma mai intervenendo effettivamente. E se pensiamo che sono stati al governo per quasi dieci anni senza mai staccarsi dalla tanto odiata Roma Ladrona potremo ben considerare quanto siano truffaldine le loro ascensioni al cielo come paladini del nord. Viene da pensare che si predichi senza operare poiché nel momento in cui una secessione avverrebbe potrebbe venir meno quel consenso che tanto hanno bisogno di mantenere. Il trucco del medico che non vuole perdere il cliente è non guarirlo né ammazzarlo, ma tenerlo in vita né troppo bene né troppo male.

Nel loro parlamento che non c’è, parlamentari che non ci sono discutono di una nazione che non c’è. Ma lasciamo correre, perché se non tolleriamo chi non ci tollera che tolleranti saremmo?

Giuseppe Guarino

Pubblicato su Sannio Week, rubrica “Legno sopra un’onda”, il 12/12/11

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: