Lascia un commento

I rischi dell’estremismo moderato: cambia il padrone, non cambia lo schiavo

Nell’Italia degli anni ’70, dilaniata da un terrorismo e da un connotazionismo ancora forte e reale, si pensò bene di salvare la democrazia italiana tramite la strategia del compromesso storico. Oggi, a quasi quarant’anni di distanza, la democrazia subisce nuovi attacchi e nuovi colpi. A metterla in pericolo non sono più i gruppi armati degli opposti estremismi, né extraparlamentarismo o associazionismo. Oggi a mettere in pericolo la democrazia sono i suoi stessi rappresentanti, coloro che dovrebbero garantirla, coloro che si pongono simbolicamente a sua difesa.

Ecco che anche ai giorni nostri arriva da più parti la volontà di un’alleanza antiberlusconiana in grado di prendere per mano il Paese e riportarlo in uno stato di cose per lo meno accettabile.

Il punto fondamentale, però, sta nelle “contraddizioni ideologiche”, nelle chiusure a prescindere, nei ragionamenti a senso unico. Tutte condizioni che vanno superate senza cadere nell’estremismo moderato che da qualche anno permea gran parte dei movimenti politici del paese.

Le contraddizioni ideologiche vanno superate, va creato un clima di distensione e di dialogo. Va cercato il colloquio tra le parti, senza però amalgamarle, confonderle, omologarle. Il rischio è quello di trovarsi di fronte una serie di partiti che si scannano senza averne motivi, se non futili.

E’ la direzione nella quale un’alleanza tra PD e Terzo polo potrebbe portare. Utile per abbattere il mostro del berlusconismo ma terrorizzante riguardo al futuro dell’Italia, potrebbe cambiare il padrone ma non lo schiavo.

Giuseppe Guarino

Pubblicato su Sannio Week, rubrica “Legno sopra un’onda”, il 17/01/2011

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: