I concept album sono Opere d’arte

La musica è arte o intrattenimento? C’è risposta a questa domanda? La si può vedere in entrambi i modi e certamente è entrambe le cose. Anche perché c’è musica e musica. Certo è che ci sono brani che rappresentano molto di più che un semplice sfogo, ma vogliono comunicare e trasmettere messaggi. È questo il senso stesso della loro esistenza. Continua a leggere I concept album sono Opere d’arte

L’Unità d’Italia, i tanto agognati 150 e i colpi dei rappresentanti della Nazione

Si sente di tutto sull’Unità d’Italia, sulla sua presunta criminosità, sulle tante ombre che ci sono ancora sugli anni del Risorgimento, opinioni discordanti quanto incompatibili tra loro.
Ciò che è certo è che il revisionismo storico è sempre alle porte e che la storia la scrivono i vincitori: due facce della stessa medaglia, opposte ma parallele e protrattesi fino ai giorni nostri e destinate a prolungarsi incessantemente negli anni a venire. Comunque la si pensi, l’Italia rappresenta da 150 anni una realtà esistente. Che la si veda come una conquista piemontese del Mezzogiorno o come uno splendido processo d’unificazione nazionale è innegabile che l’Unità abbia rappresentato un momento di aggregazione d’un popolo ch’era sempre stato separato dalle conquiste politiche dei “grandi d’Europa”. Continua a leggere L’Unità d’Italia, i tanto agognati 150 e i colpi dei rappresentanti della Nazione

La cultura e la civiltà da quale parte stanno?

Goliardate leghiste, insulti gratuiti, razzismo a frotte: sono punti forti del giornale del partito di Bossi e Calderoli, La Padania, dove questa volta sono volate offese nei confronti del parlamentare (del Partito Democratico ma eletto nelle file dell’Italia dei Valori) Jean Leonard Touadì, originario della Repubblica del Congo (ex Congo francese). Continua a leggere La cultura e la civiltà da quale parte stanno?

Dove sta il tradimento elettorale

Nota dell’autore: Qualche giorno fa ho avuto su Facebook una piccola conversazione con Umberto Di Meola, ex consigliere comunale ed assessore nell’Amministrazione Santagata (sindaco dimessosi lo scorso 24 novembre) a Cerreto Sannita (BN), sul tradimento elettorale. Ringrazio Umberto per avermi spronato ad esternare le mie riflessioni in merito all’argomento del “tradimento elettorale” e, dopo un piccolo pensiero stilato sotto forma di commento facebook e una successiva riflessione più ampia, ho posto in essere il seguente post al fine di essere chiaro sull’argomento:

Passare dalla maggioranza all’opposizione è un tradimento elettorale? E il contrario, passare dall’opposizione alla maggioranza è un tradimento elettorale? Nell’informalità istituzionalizzata per consuetudine di alcune operazioni politiche della cosiddetta “seconda repubblica” (ma anche della presunta “terza repubblica) sembra proprio di sì. Continua a leggere Dove sta il tradimento elettorale

Il divertimentificio d’Italia

Percorrendo le strade di qualsiasi città, facendo zapping su qualunque rete televisiva, girando sui siti web (anche su alcuni stimati come quello di Repubblica), non è difficile incappare in diverse infime pubblicità di “Natale in Sud Africa”. E’ l’ennesimo filmetto in salsa porno-trash di Christian De Sica, nonché ottavo capitolo della serie “Natale a…” ed innumerato cinepanettone natalizio. Senza star qui a denigrare la ripetitività e la bassezza artistico-culturale del genere sorge spontanea qualche riflessione sul “divertimentificio d’Italia”. Continua a leggere Il divertimentificio d’Italia

La falsificazione della volontà popolare

Dal PdL e dalla Lega arrivano voci festose che gridano accorate: “Non siete riusciti a sovvertire la volontà popolare!”. Ma noi, con un pizzico di memoria storica, possiamo provare senza che alcun dubbio possa essere sollevato che non c’è nulla di più falsificabile della volontà popolare. Continua a leggere La falsificazione della volontà popolare

Il mutante sincero e il mutante venduto

Di banderuole nella nostra storia politica ce ne sono state tante, tantissime, forse è insito nello spirito stesso dell’Italia, forse il camaleontico trasformismo di Agostino Depretis si è protratto fino ai giorni nostri e sembra essere l’unica vera eredità dell’Italia unita ad essere ancora rinnovata. Come nel film “Zelig” di Woody Allen, molti politici adattano il proprio aspetto e le proprie idee alla situazione, ci sono tanti fulgidi esempi. Ma c’è differenza tra chi cambia bandiera per un cambio d’opinione e chi lo fa per “vendersi”. Continua a leggere Il mutante sincero e il mutante venduto

Tutti zitti, tutti buoni che ci pensa Berlusconi…

Un’imprenditore con le capacità del nostro Presidente del Consiglio è qualcosa di più unico che raro, peccato che abbia deciso di utilizzare queste sue doti in un campo che non è quello prettamente economico ma è quello politico. Ma le qualità le ha e, in momenti come questo, riesce anche a utilizzarle al meglio. Continua a leggere Tutti zitti, tutti buoni che ci pensa Berlusconi…

Pavel Nedved – La mia vita normale. Di corsa tra rivoluzione, Europa e Pallone d’oro

Di campioni come Pavel Nedved ce ne sono stati pochi nella storia del Calcio italiano e planetario. Sempre disposti a porsi in discussione, in gioco, lavorando certosinamente e mettendosi a piena disposizione della squadra. Continua a leggere Pavel Nedved – La mia vita normale. Di corsa tra rivoluzione, Europa e Pallone d’oro