Lascia un commento

Fausto Bertinotti – Chi comanda qui? Come e perché si è smarrito il ruolo della Costituzione

Fausto Bertinotti, ex presidente della Camera ed ex leader di Rifondazione Comunista, dopo l’uscita di scena dal mondo politico post 2008, ritorna in campo con un saggio sulla Costituzione e sulla salute di essa, seriamente messa a rischio e repentaglio.

Da dove proviene questo rischio? Bertinotti comincia il libro con toni da manuale di Diritto Costituzionale, ripercorrendo alcuni articoli, per lui fondamentali, quali il primo, il terzo, il settimo e l’undicesimo, per poi soffermarsi sui principi di cui ognuno di essi si fa portavoce. E sono soprattutto tre: principio lavorista, egualitario e pacifista (Bertinotti evoca sia la pace religiosa che quella sociale). La mentalità operaia dell’autore si ritrova in questi tre principi ritenuti fondamentali e, con l’apporto delle lezioni di Maurizio Oliviero (professore di Diritto pubblico comparato delll’Università di Perugia, ringraziato alla fine del libro), ripropone le discussioni avutesi in Assemblea Costituente dalle tre “mentalità dell’epoca”, marxista, cattolica e liberale, delle quali, sostiene, la Carta Costituzionale non rappresenta una sintesi od un compromesso, ma è qualcosa di nuovo, di totalmente innovativo che lancia una visione nuova del cittadino visto come persona e non più come individuo.

Poi si pone la domanda-titolo, presa in prestito da Lewis Carroll ed “Alice nel paese delle meraviglie”: “Chi comanda qui?”. Il ruolo della Costituzione, una delle Costituzioni più belle del mondo sembra essere perduto grazie soprattutto alla globalizzazione, che non ha segnato solo una mondializzazione, ma la perdita di terreno della politica, quindi della democrazia e della sovranità popolare in favore delle forze economiche. Traspare una profonda critica al mercato autoregolato, quindi al capitalismo, reo di aver sostituito alle costituzioni democratiche una “costituzione materiale” che travalica i diritti ottenuti e maturati dopo la Seconda Guerra Mondiale e nei successivi “trent’anni gloriosi”.

C’è, infine, un senso di sconforto per la mancata Costituzione Europea, per la debolezza delle istituzioni dell’Europa Unita (e anche delle Nazioni Unite) che si sono fatte garanti soltanto dell’ordine economico trascurando quello sociale, affidandosi ad entità internazionali o sovranazionali in cui la forma democratica è alquanto sconosciuta e ciò causa una definitiva sconfitta al popolo (non più) sovrano.

Giuseppe Guarino

Chi comanda qui? Come e perché si è smarrito il ruolo della Costituzione, Fausto Bertinotti, Milano, Mondadori, 2010. ISBN 9788804603962


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: