Lascia un commento

Il totalitarismo leghista

Camicie VerdiIl fatto della scuola di Adro è un fatto che fa riflettere. E’ legittimo da parte di un pubblico potere (in questo caso un sindaco) dare alla scuola del suo comune il proprio colore politico?

In Italia ci sono, da sempre, scuole intitolate a disparati personaggi politici: Gramsci, De Gasperi, Moro. In genere si tratta di nobili statisti e illustri personaggi della storia nazionale o locale. Questo Gianfranco Miglio, a cui è intitolata la scuola di Adro, è invece stato un illustre ideologo leghista, ma allo stesso tempo un importante giurista e politologo. Senza indagare sulla bontà delle sue azioni (d’altronde neanche Gramsci o Moro si può dire fossero “santi”) il suo nome alla scuola ci può stare.

Ciò che però risulta una novità è l’apposizione del simbolo del “Sole delle Alpi” all’ingresso della scuola e sui muri. Nemmeno nei comuni dell’Emilia Romagna (storicamente rossi) è mai stata pensata una cosa del genere: l’apporre una falce e martello in un pubblico edificio, una scuola, sarebbe stata un’idea molto lontana.

Il gesto del comune di Adro ricorda invece il Fascismo, il Nazismo, il Comunismo sovietico e quello Cinese, dove i simboli politici entrano nella vita della gente, cercando di condizionarne ogni aspetto, cercando di indottrinare le masse. E la scuola è il mezzo più comune d’indottrinamento, insieme ai mezzi di comunicazione di massa. Si può parlare quindi di “totalitarismo leghista”.

Secondo Wikipedia: “Il concetto di totalitarismo è un idealtipo usato da alcuni scienziati politici e storici per enucleare le caratteristiche di alcuni regimi nati nel XX secolo, che mobilitarono intere popolazioni nel nome di un’ideologia o di una nazione.
Il termine totalitarismo, inoltre, è usato nel linguaggio politico, storico e filosofico per indicare “la dottrina o la prassi dello Stato totalitario”, cioè di qualsiasi stato intenda inserirsi nell’intera vita anche privata dei suoi cittadini, al punto da identificarsi in essi o da far identificare essi nello Stato.”

Nella prima accezione riscontriamo appieno la Lega Nord che mobilita il “popolo del Nord” nel nome d’un’ideologia (quella della secessione e della supremazia nordista) e d’una nazione (la Padania). La mobilitazione delle masse non è mai stato un mistero per il Carroccio che ormai fa ampio uso di radio, televisione, giornali, pubbliche manifestazioni, per imporsi come guida da seguire, come “partito del popolo”.  Ed è qui che entra in gioco la seconda accezione: la Lega vuole formare un popolo leghista, identificato nello stato padano, disprezzante nei confronti dell’Italia unita e delle sue istituzioni. La pretesa storicità del simbolo è soltanto un esempio (assai fragile) di tentativo di legittimazione d’un’azione politica.

Ci sarebbero sempre malumori per una svastica o una croce celtica o una falce e martello in un luogo d’educazione quale è un istituto scolastico. Ma per il Sole delle Alpi è possibile un’eccezione. Da parte del Ministero che in nome del “volemoce bene” chiude un occhio, da parte della pubblica opinione che vede la Lega un fenomeno di volta in volta “buono”, “innocuo” e “locale”.

Si, i leghisti portano promesse di ordine e pulizia, di protezione e sicurezza. Le portava anche il fascismo. I leghisti sono al governo insieme a forze “legittime” quale è il PdL. Anche il fascismo governava (all’inizio) insieme ai liberali. La Lega sembra pericolosa ma in realtà può essere innocua ed avere addirittura effetti positivi: lo si pensava anche del fascismo. Ma il Duce e il suo movimento all’epoca furono sottovalutati. Seguì una lunga dittatura, un “totalitarismo”. I presupposti, con la Lega, ci sono tutti.

Giuseppe Guarino

pubblicato su Sannio Week il 27/09/2010

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: