3 commenti

Il senatùr prigioniero del cavaliere

Bossi-BerlusconiAll’opposizione e nella maggioranza stessa (Futuro e Libertà), si parla di Berlusconi ostaggio degli interessi del Nord, della Lega e di Bossi. Ma se così non fosse? Se un giorno qualcuno rivelasse in realtà l’esatto contrario?

Le dichiarazioni arrivano al Riformista del 25 agosto da Rosanna Sapori. La Sapori si autodichiara una voce estroversa, impertinente, aggressiva, diretta, dirompente, ma difficile da catalogare e soprattutto libera. Ed è stata esponente della Lega Nord, nonché giornalista (ex) per Radio Padania Libera.

Illustra un panorama politico con Bossi che deve seguire Berlusconi, obbligatoriamente? Perché?
Perché quel simboletto con le scritte blu e la silhouette di Alberto da Giussano che impugna lo spadone sarebbe di proprietà del nostro premier. La Sapori lo ha dichiarato al Riformista e altre volte, anche in televisione.

Il Simbolo della Lega Nord

Il Simbolo della Lega Nord, Alberto da Giussano con lo spadone e il Sole delle Alpi

Ma come ha fatto Berlusconi ad impadronirsi del simbolo del Carroccio?
La colpa sarebbe dei guai finanziari della Lega, con la creazione dell’istituto di credito Credieuronord, nonché  l’Editoriale Nord (gruppo a cui fanno capo gli organi ufficiali del partito: radio, tv, giornale). In più i tanti fantasiosi progetti in cui la Lega si è sempre avventurata (le tante manifestazioni “padane”) avrebbero aumentato il deficit del partito. Infine i dissidi tra Berlusconi e Bossi degli anni post94, risoltisi quasi tutti a favore del primo, avrebbero gettato il partito sul lastrico.

Ma è qui che il vecchio volpone è intervenuto. E con una manovra finanziaria(si presuppone 70 miliardi di lire, più di 36 milioni di euro) Berlusconi appiana i bilanci della Lega ed ottiene in cambio il simbolo del partito e la conseguente fedeltà di Bossi. Due piccioni con una fava? Per uno stratega come Berlusconi sarebbero pochi. Infatti ci sono altri piccioni colpiti: la fedeltà della Lega comporta un bel gruzzolo di voti al Nord, che non è poco; infine la proprietà di quel simbolo potrebbe riuscire a permettergli di mettere l’ultima parola sulle decisioni interne del Partito.

Tutto ciò ovviamente se le dichiarazioni della Sapori sono veritiere e se tutto questo non è un piano articolato per rimuovere quell’Alberto da Giussano, sostituendolo con il Silvio di Arcore.

Giuseppe Guarino

Approfondimenti:

Giornalettismo: http://www.giornalettismo.com/archives/77766/berlusconi-bossi-albertodagiussano/

Il Riformista: http://newrassegna.camera.it/chiosco_new/pagweb/immagineFrame.asp?comeFrom=rassegna&currentArticle=TJJHZ

Annunci

3 commenti su “Il senatùr prigioniero del cavaliere

  1. Simbolo o non simbolo solo un povero padanista può seguire la Lecca Nodde, con tutte le sue belle contraddizioni e i suoi bei servaggi in favore dei poteri forti d’ogni colore che come sempre, da 20 anni e passa, culmineranno in un nulla di fatto.
    Militonti nient’altro che militonti.

    Lombardia Libera

  2. E’ meglio militare a mio avviso nella Lega Nord, rispetto ad aderire a certi micromovimenti che raccolgono percentuali da prefisso telefonico e che contono logicamente come il 2 di picche !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: