Lascia un commento

La vita del mio nemico è sacra

Su “La Stampa” del 15 dicembre 2009, Nichi Vendola ha parlato del bieco attacco al presidente Berlusconi, per leggere l’articolo clicca qui.  Ovviamente traspare la solidarietà incondizionata al presidente. Quel gesto è un simbolo di inciviltà. Su questo niente da dire.

Il problema viene però dalle mille voci della politica italiana, che attaccano a zero sugli altri senza sottoporsi prima ad un pieno esame di coscienza.

Vendola, da parte sua, sostiene che vedere il volto di Berlusconi, “volto di una persona offesa e ferita”, causa sdegno e turbamento. Bisogna evitare di attaccare i poteri politici in questo modo poichè “mi è sacra la vita del mio nemico”. Coerenza quella di Vendola, capacità forse di essere un “buon comunista”. Ma è proprio la coerenza di Vendola quella di cui si ha bisogno nella politica italiana.

E così non risparmia frecciate ai politici della maggioranza che ora predicano la pace e ammoniscono chi crea questo clima d’odio. Ma chi è stato che ha accusato Boffo? Chi è stato a fare piccole pulizie etniche nelle valli padane? Chi è stato a dire di sparare sui clandestini? In questi casi difendono la dignità umana?

Ma in questo caso additano a Napolitano o Fini o Casini o Di Pietro le responsabilità dell’attacco alNichi Vendola premier. Ed è pura Strategia politica. Come dice Vendola sono pure strumentalizzazioni. Non si può considerare una sola variabile per stabilire una tesi. Non si può accusare l’opposizione di avere alimentato il clima d’odio al di fuori dal confronto democratico vero e proprio. Un attacco del genere poteva anche avvenire per le manie psicotiche di qualcuno, che “si sono spesso indirizzate contro personaggi noti. Vedi John Lennon.” Confrontare una personalità come Lennon a Berlusconi stona un pò ma rende l’idea.

Vendola richiama quindi l’opposizione a contrastare i piani del governo dato che: “questa battaglia si può vincere solo sul piano politico e culturale, non certo con le urla”.

Forse vedere la faccia di Berlusconi insanguinata ha fatto soltanto Silvio Berlusconi Feritobene alla sua politica, ne ha di sicuro aumentato la popolarità. Di sicuro ogni buon italiano si sarà sentito (qualcuno per la prima volta) solidale con il premier. Ma Vendola conclude: “Viviamo in un’epoca in cui le emozioni più forti vengono smentite con straordinaria rapidità”. E’ giusto. Potrà esserci ancora qualche colpo di scena.

Giuseppe Guarino

pubblicato da http://www.sannioweek.it , rubrica “Carta Bianca” il 21/12/2009

http://www.sannioweek.it/main/main.php?paese=&area=Politica&id=4773

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: